Cerca

Il decreto di D'Alema che fece schizzare le spese di Palazzo Chigi

Dal 1999 i bilanci sono opachi. Il risultato? Le spese sono più che raddoppiate

Il decreto di D'Alema che fece schizzare le spese di Palazzo Chigi

 

Nei giorni della sobrietà, delle tasse e dei sacrifici, il governo tecnico di Mario Monti dovrebbe dare il buon esempio. Come sottolineano Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera, "Palazzo Chigi dovrebbe fare un passo dirompente: rinunciare all'autonomia assoluta per riportare il proprio bilancio sotto la verifica della Ragioneria". In soldoni, anche il governo dovrebbe ricominciare a rendere conto delle sue spese. Così facendo, la presidenza del Consiglio darebbe un clamoroso esempio: rinuncerebbe all'autonomia totale dei propri bilanci e permetterebbe alla Ragioneria Generale dello Stato e alla Corte dei Conti di vigilare sulle spese (e sugli abusi) di Palazzo Chigi. 

Il decreto di D'Alema - Il punto è che i conti di Palazzo Chigi furono sottratti alle competenze del Tesoro nel 1999: era il 30 luglio quando con un decreto legislativo venne sancità l'opacità del bilancio governativo. Chi era il premier dell'epoca? Massimo D'Alema, che volle equiparare la posizione di Palazzo Chigi a quelle del Quirinale, Senato e Camera, che non erano soggetti al controllo delle spese. Il risultato del decreto voluto da D'Alema, come ha ricordato nei giorni scorsi il viceministro dell'Economia, Vittorio Grilli, è che "alcuni miliardi di euro vagano senza controlli sostanziali nei bilanci statli".

Spese impazzite - Rendere conto delle proprie spese renderebbe certamente più virtuoso chi amministra: sono i numeri a dimostrarlo senza margini di incertezza. Dal varo del decreto di D'Alema (ossia il 1999) al 2010 per esempio le spese del segretariato generale sono più che raddoppiate, schizzando da 348 miliardi di lire ai 488 milioni di euro. Come sottolinea il Corriere della Sera, l'aumento in termini reali e calcolata l'inflazione è pari al 116 per cento. Emblematico anche il caso di quanto accadde nel 2000, ossia nel primo anno di autonomia contabile, quando le spese, nell'arco di 12 mesi, schizzariono del 28,7 per cento.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stres

    14 Maggio 2012 - 10:10

    Vecchia Baldracca ! vedrai alle prossime che fine farai? Tu e tuoi degni compari affossatori di democrazia e proletariato, te lo dice un ex pci, pds,pd..... vedrai, vedrai.....

    Report

    Rispondi

  • annunziata

    04 Maggio 2012 - 10:10

    peccato che nessuno glielo fa notare ogni volta che parla e riversa la sua sprezzante ironia sugli altri. Solo il direttore del giornale una volta lo fece incazzare....

    Report

    Rispondi

  • primaveraitalia

    26 Aprile 2012 - 22:10

    dalema il grande corrotto o il grande corruttore degli ultimi vent'anni.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    26 Aprile 2012 - 19:07

    Egregio signore (si fa per dire), si rilegga il suo post e veda se ci trova una domanda intelliggente o una considerazione moderatamente passabile. Ora non mi tenga in ansia: ha finalmente capito cos'è una riserva di legge costituzionale? Se risponde sì ha vinto un posto in prima fila al prossimo congresso del pdl. Quando si terrà non lo sa nessuno, ma tutti ne parlano da decenni come se si dovesse tenere il prossimo mese. Lo so, a volte è dura la vita del bananas! Un consiglio: se ne incontra uno (una goccia praticamente), lo eviti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog