Cerca

Pena di morte sospesa

Iran, esecuzione fermata all'ultimo minuto: la madre della vittima perdona l'assassino

Salvato dalla morte all'ultimo istante. Balal, un ragazzo iraniano di 20 anni, era stato condannato all'impiccagione per aver accoltellato e ucciso il diciottenne Abdollah Hosseinzadeh durante una rissa. Secondo la legge della vendetta (quisas), prevista dalla giurisprudenza islamica, avrebbero dovuto essere i genitori della vittima a spingere la sedia della pena capitale. La madre di Abdollah, però, ha deciso di rinunciare alla vendetta: a pochi istanti dall'esecuzione, si è avvicinata a Balal, lo ha schiaffeggiato e poi ha detto di averlo perdonato. A quel punto, il marito è andato a togliere il cappio dalla testa del giovane assassino. Secondo l’ultimo rapporto di Amnesty international sulla pena capitale, nel 2013, l'Iran, con almeno 369 esecuzioni, è stata seconda solo alla Cina, che ha mandato a morte 778 condannati. Le foto, pubblicate dal The Guardian, sono state scattate dal fotografo Arash Khamooshi, dell’agenzia semiufficiale Isna, 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • buonavolonta

    19 Aprile 2014 - 10:10

    grande gesto.. di madre addolorata ... ma grande gesto..

    Report

    Rispondi

  • faghi

    17 Aprile 2014 - 19:07

    Da premio Nobel

    Report

    Rispondi

blog