Cerca

Fisco senza confini

L'occhio del redditometro:
ecco le 100 categorie
e le tre soglie

L'occhio del redditometro:
ecco le 100 categorie
e le tre soglie

 

Il governo persegue la sua politica di terrorismo fiscale e, in ticket con l'Agenzia delle Entrate, sventola il vessillo del nuovo redditomtero, sul quale però è necessario fare ancora chiarezza. Uno dei punti più controversi è quello del "peso del denaro". In soldoni - giusto per restare in tema - cento euro potrebber non essere sempre cento euro. Possibile? Per il fisco, sì. Già, perché se li utilizziamo per un bene di lusso quale una beauty farm è un contro, mentre se vengono sfruttati per beni meno "elitari" è un altro. In termini spicci, i cento euro usati per concedersi un vizio sono un primo indicatore: dietro alla scelta potrebbe esserci un evasore. Una sorta di morsa che spacca anche chi l'ha ideata, perché - se è chiaro che alcune voci del redditometro, molto diverse tra loro, non possono essere pesate allo stesso modo -, l'assurdità è che il valore fiscale delle singole spese potrebbe cambiare all'interno della stessa voce o almeno della stessa categoria. La sperimentazione del sistema-stasi prosegue da circa un anno, ma si deve ancora stabilire definitivamente se sfruttarlo soltanto nella cosiddetta "fase uno" (l'autonoma verifica che può effettuare un singolo contribuente per correggere il 730) o anche nella "fase due" (quella in base alla quale le Entrate faranno scattare eventuali controlli).

Sette categorie - Ma tant'è. Lo strumento, come ampiamente anticipato, sarà invasivo ai massimi livelli: il redditometro conterrà cento voci di spesa, dagli alberghi fino agli immobili passando per gioielli e bauty farm. Cento parametri per scovare gli evasori fiscali. Le 100 voci si potranno aggregare in 7 differenti categorie. E le Entrate hanno elaborato tre soglie (massima, intermedia e minima) in base alle quali far scattare, o meno, gli accertamenti presuntivi. Andiamo a vederle nel dettaglio.

Soglia massima - Si tratta della massima soglia di rischio, una sorta di allarme rosso che scatta quando il redditometro registra uno scostamento molto significativo tra la stima effettuata e la dichiarazione che una famiglia ha intenzione di presentare alle Entrate. Se poi gli indicatori specfici di spesa non confermasser l'incoerenza tra calcolo presuntivo del redditometro e la reale dichiarazione, la posizione del contribuente verrebbe declassificata nella categoria inferiore. Se, al contrario, gli indicatori confermassero l'incoerenza si diventerebbe in automatico, senza nessuna eccezione, il bersaglio di un controllo fiscale approfondito.

Soglia intermedia - Si tratta di una sorta di semaforo giallo: meglio rallentare, altrimenti si incorre in accertamenti e sanzioni. Le Entrate considerano un nucleo familiare composta da due coniugi (di età compresa tra i 35 e i 64 anni) e due figli a carico, che viene valutato nel redditometro in base alle cento voci di spesa (le macroaree sono: abitazione, mezzi di trasporto, assicurazioni, istruzione, attività sportive e ricreative, investimenti immobiliari e spese significative di vario genere). In base a tutti questi parametri, il redditometro potrebbe stimare una "soglia di coerenza" pari a 107 mila euro. Se i coniugi decidessero di dichiarare un reddito sensibilmente inferirore rientrerebbero nella fascia di rischio medio - scatterebbe insomma il semaforo giallo -, una fascia segnalata per eventuali accertamenti di natura preventiva.

Soglia minima - Semaforo verde, nessun pericolo né accertamento: avviene quando la dichiarazione dei redditi risulta coerente o si discosta di poco dal calcolo del redditometro. Insomma, non si accende alcuna spia d'allarme. Il reddito familiare infatti viene stimato prima della dichiarazione e può essere confrontato con quello che si ha intenzione di dichiarare. Sono stati calcolati 55 gruppi omogenei di contribuenti valutati in base al nucleo familiare, e ogni categoria viene divisa in tre fasce: tutte le tipologie avranno coefficienti diversi a seconda dell'area geografica di provenienza.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mastrofornaio39

    15 Novembre 2012 - 23:11

    Chi evade? chi viene privatamente pagato in contanti per la sua prestazione e mette il suo incasso nel cassettino o sotto il pavimento. E se ne frega. Quante volte vi è stato detto: sarebbe 200 euro senza IVA oppure 240 con IVA. Voi che fareste? come lo scopri?

    Report

    Rispondi

  • Peo

    15 Novembre 2012 - 20:08

    Io lavoro solo per grandi ditte, che fatturano anche gli spilli. Ho una contabilità che ritengo perfetta, onestissima con tutto alla luce del sole e mi è assolutamente impossibile evadere alcunchè. Eppure il commercialista mi ha detto che NON SONO CONGRUO. Capite? Guadagno bene e non mi lamento. Ma evidentemente secondo il fisco dovrei guadagnare di più. Ma come faccio? Sono tutti pazzi. O veri ladri?

    Report

    Rispondi

  • gianko

    04 Novembre 2012 - 00:12

    I burocrati e i parassiti sono il vero cancro della società e una società libera può benissimo fare a meno di loro! Burocrati e parassiti sono la nostra controparte, sono la classe improduttiva di ogni paese. La vera lotta di classe è quella che vede da un lato i “produttori di ricchezza” e dall’altro i “consumatori di ricchezza”. Nel dettaglio, quali sono le caratteristiche dei burocrati? Sono i protagonisti della “funzione pubblica”, il loro “cavillo di battaglia” è far girare carte e non produrre risultati, sono i principali nemici delle libertà individuali e di intrapresa. I burocrati sono – come ci ha insegnato Nordau – lo strumento perfetto per lo sfruttamento su larga scala da parte dello Stato. Sfruttamento di ricchezze altrui ovviamente! La loro tendenza è quella di crescere a dismisura. L’Italia docet. E la “classe politica”? Che vogliamo dire in proposito? Hanno scritto: E’ come una banda di briganti che si legittima attraverso lo Stato.. ecc.

    Report

    Rispondi

  • giuseppe 9-9-7

    18 Ottobre 2012 - 07:07

    2 provocazioni: inserire nel redditometro 2 voci molto indicative della capacità contributiva: i figli e i km. voglio dire, se si hanno 3 o anche "solo" 2 figli non si possono dichiarare 8000 euro l'anno, sarei per togliere la patria potestà perchè si fanno vivere questi poveri bambini nella miseria. idem se, per esempio un tassista, ha una macchina di 2 anni con 300.000 km: capisco il cercare i clienti, ma forse conviene.... stare fermi o vendere la licenza (a roma qualcuno l'ha pagata 200.000 euro: ha senso se poi si guadagnano 700 euro al mese?). un'ultima cosa che da tempo non sento più: ma tutte le tasse delle slot machines non versate allo stato? mi ricordo che erano veramente molti soldi. saluti a tutti e..... forza italia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog