Cerca

I nostri miliatri abbandonati

L'India ride in faccia
all'Italietta dei Prof

Abbiamo richiamato l'ambasciatore? Nuova Delhi non fa una piega

La capitale indiana: "Normale prassi". E viene negata la libertà su cauzione ai nostri marò: ci prendono in giro
L'India ride in faccia
all'Italietta dei Prof

Una raffica di sonori schiaffoni all’Italia giungono dalle autorità indiane alle quali Roma non sembra in grado di replicare a dovere. Al rinvio del trasferimento dei due militari italiani in una struttura diversa dal carcere e alle accuse infamanti di omicidio, tentato omicidio e associazione a delinquere (con in più il richiamo a una convenzione internazionale contro il terrorismo) nei confronti si Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, l’Italia ha risposto venerdì richiamando a Roma «per consultazioni» l’ambasciatore a Nuova Delhi. Alla sberla rifilataci ieri, con il tribunale di Kollam che ha respinto la seconda istanza di libertà su cauzione, la Farnesina ha risposto convocando l’ambasciatore indiano a Roma al quale è stato ribadito che i capi d’accusa sono inaccettabili e che la giurisdizione del caso spetta all’Italia poiché l’incidente è avvenuto in acque internazionali. A fare la ramanzina all’ambasciatore Debabrata Saha non è stato il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, che ha lasciato l’incombenza al direttore generale competente per le questioni asiatiche Giandomenico Magliano e al vice capo di Gabinetto, Andrea Tiriticco.

Le reazioni di Roma non sembrano però impensierire gli indiani. Il quotidiano The Hindu ha registrato qualche irritazione al ministero degli Esteri di Nuova Delhi ma è stato smentito dal portavoce del ministero che ha parlato di «speculazioni della stampa» definendo il richiamo di ambasciatori per consultazioni «prassi non inusuale» per la quale «non c’è la necessità di reagire».

Il rientro a Roma dell’ambasciatore Giacomo Sanfelice  è invece «un atto importante e giustificato» per il sottosegretario agli Esteri Staffan De Mistura che ha ricordato le iniziative assunte dall’Italia da quando è scoppiata la crisi con l’India. Iniziative che hanno sortito scarsi effetti considerato che, come raccontano fonti giornalistiche indiane, la libertà su cauzione è stata negata a Latorre e Girone con la motivazione che se «fossero rimessi in libertà e dovessero lasciare l’India, sarebbe difficile assicurare la loro presenza al momento del processo». Il giudice P.D. Rajan ha osservato che «non sono sufficienti» le assicurazioni fornite dal governo italiano e quindi «non c’è uno scenario appropriato per concedere in questa fase la libertà dietro cauzione». 

Dichiarazioni che confermano come sia compromesso il rapporto di fiducia e cooperazione con l’Italia sul quale si è basata invece in questi tre mesi l’iniziativa di Roma. «Non siamo sorpresi, ma proviamo un ulteriore disappunto» ha commentato De Mistura ribadendo che «rinnoveremo la richiesta a una istanza più alta, e se fosse necessario fino alla Corte suprema dove riteniamo che ci sia uno spazio maggiore per presentare i nostri argomenti a favore dei marò e delle garanzie per loro necessarie». Dopo aver incontrato Latorre e Girone in carcere, De Mistura ha aggiunto che i due militari sono a conoscenza delle notizie riguardanti i capi di accusa presentati contro di loro dalla polizia del Kerala ma non sono demoralizzati perché «hanno percepito il senso della ferma risposta italiana».

di Gianandrea Gaiani

nuova delhi, india

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • peroperi

    21 Maggio 2012 - 20:08

    Che fine ha fatto Berlusca? E' andato a puttane?

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    21 Maggio 2012 - 20:08

    Cosa avreste detto se qualche anno fa dei militari libici avessero sparato a dei pescatori di Mazara in acque italiane e fossimo riusciti ad arrestarli? Li avreste lasciati uscire su cauzione?

    Report

    Rispondi

  • mazimo

    21 Maggio 2012 - 19:07

    Altri tempi quando alla Farnesina c'era Frattini che faceva le audizioni in Senato sulle "carte di S. Lucia" e la casa di Montecarlo mentre il Maghreb bruciava. Ah, ci fosse ancora lui a mettere in riga gli indiani...

    Report

    Rispondi

  • D.P.F.

    21 Maggio 2012 - 18:06

    Ai nostri esimi prof. - Sarà mai passato per la testa di denunciare l'India al tribunale internazionale per: 1) pirateria in acque internazionali, avendo costretto una nave italiana ad attraccare forzatamente in un loro porto; 2) sequestro di cose e persone per aver catturato due militari di un paese amico entrando in territorio estero, come deve essere considerata una nave che batte una bandiera differente; 3) azioni intimidatorie e ricattatrici oltre ad eventuali estorsioni per aver preteso garanzie in denaro per rilasciare chi aveva tutto il diritto di proseguire la propria strada; 4) usurpazione di potere per essersi autoarrogati il diritto di estendere arbitrariamente il limite delle loro acque territoriali, cercando così giustificare la negazione allo Stato di cui la nave batte bandiera ed al quale appartengono i militari, di indagare e processare per accertare la verità su i fatti accaduti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog