Cerca

L'indiscrezione

Il Cav di nuovo in campo:
l'annuncio è imminente

Vertice a Palazzo Grazioli sulla legge elettorale: Silvio vicino al "sì"
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

 

La soluzione del giallo pare essere più vicina. Il protagonista è Silvio Berlusconi. Il mistero la sua ricandidatura. Ma il Cav sarebbe (quasi) definitivamente pronto a ritornare in campo. L'annuncio sarebbe imminente. E che la situazione sia in evoluzione lo dimostrano i fatti: l'ex premier si è recato in fretta e furia, direttamente dalla Sardegna, nella residenza romana di Palazzo Grazioli. Il motivo? Un vertice ristretto sulla legge elettorale. Al tavolo il protagonista della trattativa sulla riforma, Denis Verdini, quindi il segretario Angelino Alfano e il portavoce Paolo Bonaiuti. Secondo le indiscrezioni, il Cav sarebbe pronto a dare il suo assenso a un accordo sulla nuova legge elettorale.

Bilancio di pro e contro - La prossima settimana sarà decisiva per il superamento del "porcellum" e, se non ci saranno intoppi, verranno fissati i criteri con cui l'Italia, in un futuro prossimo andrà al voto. Ma lo sblocco definitivo della trattativa, spiegano fonti del Pdl, è legato a doppio filo con la possibile ricandidatura di Silvio Berlusconi. Una parola decisiva, il Cav, non l'ha ancora detta. Per ora continua a limitarsi a fare un bilancio dei pro e dei contro. L'ex premier, in buona sostanza, sta cercando di comprendere se la sua candidatura sarà vantaggiosa, anche in un ottica di grande coalizione-bis, all'interno della quale vorrebbe avere un ruolo tutt'altro che residuale.

Braccio di ferro col Pd - Di conferme ufficiali non ne sono ancora arrivate, ma pare che nel "redigere" questo bilancio, l'ipotesi di un rinnovato impegno politico potrebbe portare più benefici che svantaggi. Nel frattempo continua il braccio di ferro con il Pd sulla riforma elettorale: Bersani vuole un significativo premio alla coalizione, per capitalizzare la possibile vittoria relativa alle urne. Se il Pdl non mollasse, si farebbe più concreta l'ipotesi di un bis della grande coalizione. E Berlusconi, ora, sarebbe intenzionato a sbloccare la possibilità.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    31 Agosto 2012 - 17:05

    Anche se sono berlusconiano,so di ci era l'autore della metafora,come so,chi era quello che la furbescamente adattata a Silvo.Una precisazione ed un'informazione di servizio.La dinamica di questo forum,tra commenti non pubblicati e altri disservizi vari,potrebbe creare una specie di sovvravalutazione culturale.Devi tenere presente che ci sono soggetti "dormienti" che potrebbero "risvegliarsi" di sopprassalto e non capire la tua ironia.Sei nuovo,quindi non sai la brutta fine che hanno fatto quelli prima di te che si ritenevano molto acculturati.Credimi,sono bastati due soggetti ( mi pare siano della Toscana)per fargli fare la figura di un ciannosecco qualsiasi.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    31 Agosto 2012 - 17:05

    Esecutori condannati,ma non il mandante?Allora per la legge italiana è un'innocente e il mandante te lo sei sognato.Bevi di meno.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    31 Agosto 2012 - 17:05

    Esecutori condannati,ma non il mandante?Allora per la legge italiana è un'innocente e il mandante te lo sei sognato.Bevi di meno.

    Report

    Rispondi

  • pigpen

    31 Agosto 2012 - 12:12

    bene...che torni pure...facce ride'..se la sinistra si fa perdere anche quest'occasione , allora non so proprio quando vinceremo...pigpen

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog