Cerca

Regionopoli

Il numeri del fallimento del federalismo:
in dieci anni tasse aumentate del 50%

Sono raddoppiate le spese per le indennità e fondi a consiglieri e assessori

Anche le imposte pagate allo Stato da cittadini e imprese, nello stesso periodo, sono aumentate del 31,6%
Il numeri del fallimento del federalismo:
in dieci anni tasse aumentate del 50%

Dopo lo scandalo nel Lazio, si è scatenato il dibatttito politico sul fallimento del federalismo. Al di là delle opionioni ci sono i numeri. Li pubblica il Sole 24 Ore che in un'inchiesta spiega che dal 2001 a oggi i tributi sono aumentati del 38% e, in riferimento al 2012, si può stimare un aumento intorno al 50%: "la sola addizionale Irpref è passata dai 5,8 miliardi del 2008 ai 9,7 incassati nel 2011 e nei decreti attuativi del federalismo approvati l'anno scorso è prevista la possibilità che raddoppi rispetto ai livelli attuali. Mentre aumentava l'Irpef le richieste dello Stato centrale non sono diminuiti: tra il 2001 e il il 2010 i tributi erariali, secondo quanto scrive il Sole 24 ore, che riporta i dati della Ragioneria generale dello Stato sono cresciute del 31,6%. Dal 2012 a oggi il pacchetto di competenze non è cambiato ma la spesa complessiva delle Regioni è aumentata del 23%: secondo la Ragioneria generale sono state le spese di finanziamento a correre, le stesse che ora sono sotto la scure della spending review. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • violacea

    02 Ottobre 2012 - 01:01

    tutti a roma con le scope e forconi !! x cacciarli ci vorrebbe un lanciafiamme x non vederli più! brutte facce da ladri!!

    Report

    Rispondi

  • violacea

    02 Ottobre 2012 - 01:01

    ma siete sicuri di quello che state dicendo? dal momento che il federalismo fiscale e i costi standar son ancora chiusi nel cassetto della scrivania di monti, basterebbe per resparmiare, che tutti i parlamentari, senatori, consiglieri regionali e di provincia prendessero uno stipendio di 5000 euro al mese. senza rimborsi ne altre spese. come fanno tutti altri cittadini che lavorano. naturalmente vale a regresso anche per tutte le loro pensioni da nababbi. chi incassa 30000 euro ne prende solo 5000. chi 100000 euro solo 5000. e' la legge della compensazione . dato che il debito pubblico lo hanno fatto tutti loro dipendenti pubblici e politici delle caste devono rendere il rubato e 5000 euro sono gia' coodi lusso!! vedreste come cala il debito pubblico!!!

    Report

    Rispondi

  • gioch

    28 Settembre 2012 - 14:02

    Un altro che ha capito tutto.

    Report

    Rispondi

  • neronederoma

    28 Settembre 2012 - 09:09

    ....eliminare REGIONI E PROVINCE !!!! E CHE VADANO A CONTROLLARE ANCHE I COMUNI !!! TROPPI CONSIGLIERI E TROPPE AZIENDE ESTERNE !!SPESSO PARENTI O AMICI !!! M A N C A I L C O N T R O L L O !!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog