Cerca

La zavorra

Italia, il cancro della corruzione: costa 60 mld l'anno

Poca trasparenza, cittadinanza sfiduciata, opere pubbliche che costano di più e imprese che crescono poco: è il nostro sistema-Paese

Il rapporto della commissione del ministero della Funzione Pubblica è inclemente. Dall'estero dicono: Italia quarta per corruzione nella Ue, 69 al mondo (pari con Ghana e Macedonia) 
Italia, il cancro della corruzione: costa 60 mld l'anno

 

Un Paese zavorrato dalla corruzione, dove la gente non ha fiducia nelle amministrazioni, la trasparenza è poca, le imprese non crescono mentre i costi degli appalti, invece, lievitano eccome. E' l'immagine dell'Italia che esce dal rapporto realizzato dal ministero della Funzione Pubblica in vista della legge sulla corruzione, studio al quale si sommano le valutazioni della Corruption Perception Index di Trasparency International.

I numeri - Al sistema Italia la corruzione costa 60 miliardi di euro all'anno in costi diretti, mentre le conseguenze indirette (come inadeguatezza delle opere pubbliche o mal funzionamento degli enti) comportano un aumento medio del 40 per cento dei costi della res pubblica. Chi ci va male, insieme alla cittadinanza, è il mondo delle imprese: secondo le stime della commissione ministeriale le grandi e medie aziende vedono il proprio tasso di crescita ridotto del 25 per cento all'anno, le piccole addirittura del 40. Tradotto: a causa della corruttela in Italia gli enti pubblici funzionano male e hanno meccanismi più oscuri e dispendiosi, gli appalti costando di più ma non per questo le opere e i servizi sono migliori, le aziende non crescono perchè sopraffatte da dinamiche non di mercato. 

Credibilità a picco - L'Italia è il quarto paese più corrotto della Comunità Europea (peggio di noi solo Bulgaria, Grecia e Romania). Nella classifica mondiale è sessantanovesimo, pari con Ghana e Macedonia. Per gli italiani la colpa è quasi tutta dei partiti (responsabilità di 4,4 punti su 5), poi del Parlamento (4) e quindi di privati e pubblica amministrazione (3,7). Mentre la trasparenza degli enti è in forte ritardo (fissata a 10 l'assenza di corruzione, l'Italia si attesta a 3,9 mentre la media è 6,9), siamo in vantaggio sul numero di cittadini raggiunti da richieste di corruzione: 17 per cento contro il 9 per cento medio dell'Ue.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tosco57

    06 Novembre 2012 - 02:02

    date fuoco a parlamentari e .....molto dopo chiamate i vigili del fuoco visto che gli operai delle forze del ordine prendono un tirone di borsa mentre i signori del disordine rubano si fanno i cazzi loro e nessuno tiene il coraggio di sparargli alle ginocchia in modo tale che gente come la fornero e c....non vadano dall'aavvocato ma l'aaaavvvvocato vada da loro politici fottetevi non siamo piu' una "nazione di caproni" stiamo diventando una nazione piena di giramenti di coglioni

    Report

    Rispondi

  • mark70

    17 Ottobre 2012 - 17:05

    se quantificano la corruzione in 60 mld, significa che sanno benissimo dove questi soldi vengono utilizzati per corrompere...o sbaglio? che spieghino chiaramente come si arriva a questo valore e come fanno il calcolo almeno si avranno le idee più chiare.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    16 Ottobre 2012 - 15:03

    Qualche figlio di buonadonna, speculando sul filo di lana, sulle fisime, blocca una legge necessaria adducendo pretesti di garantismo.... quando c'è il marcio, e da noi ce n'è a tonnellate, non si và per il sottile. I buonisti non sono buoni, sono solo idioti e dannosi, oltre ad essere spesso disonesti.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    16 Ottobre 2012 - 14:02

    ci sono anche altri; ma il 'grosso é targato PDL

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog