Cerca

Lo studio

I veri evasori fiscali
non sono le partite Iva

Gli autonomi sono responsabili soltanto del 5 per cento del nero. Peggio di loro le grandi imprese, i dipendenti e gli immigrati. Ma soprattutto la criminalità

I veri evasori fiscali
non sono le partite Iva

"Non ce ne voglia Maffeo Pantaleoni, ma vorremmo esordire con una sua citazione. «Qualunque sciocco può imporre tasse, l’abilità consiste nel ridurre le spese». Ma era il diciannovesimo secolo. Ora invece la scuola di pensiero economica è molto diversa. Il debito pubblico è arrivato al 126,1% del Pil  e da più fronti ci viene spiegato che l’unica cura che ci può salvare è la caccia senza pietà all’evasore fiscale.  Se i servizi non funzionano è perché in molti non pagano le tasse. Ed è per colpa degli evasori che le aziende oneste sborsano fino al 70% tra tasse e imposte. Insomma una certa stampa poi ha le idee ancora più chiare: piccoli imprenditori e Partite Iva sono ricettacolo di evasione", spiega Claudio Antonelli su Libero di sabato 17 novembre. Peccato che non sia così: i veri evasori non sono le partite Iva. E uno studio di Contribuenti.it lo dimostra. Infatti gli autonomi sono responsabili solo del 5% del nero. Peggio di loro le grandi imprese, i dipendenti, gli immigrati. Ma soprattutto la mafia.

Leggi l'approfondimento su Libero di sabato 17 novembre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    20 Novembre 2012 - 01:01

    Rientra nei binari, hai deragliato. Pensaci, ci puoi arrivare.

    Report

    Rispondi

  • gianko

    19 Novembre 2012 - 18:06

    qui si parla di GROSSI EVASORI: GROSSE SOCIETA', DIPENDENTI COL II° LAVORO IN NERO (ora con 'sta crisi saranno diminuiti, credo), MAFIA, MERCI TAROCCATE (con gli immigrati che le vendono, ma per gli idioti sinitrati mentali SONO UNA 'RISORSA') e tu la stai mendando con quelli delle p.i. che rappresentano il 5% dell'evasione; in compenso non sai cle le tasse dei dipendenti pubblici SONO PURAMENTE VIRTUALI, in quanto ricavate DALLE TASSE VERE CHE pagano i lavoratori del privato imprenditori, autonomi e dipendenti) 'ste cose le dice da anni la CGIA di Mestre, documentatissima, tu cosa leggi? solo le cazzate sul berlusca? in ogni caso se si scaricasse tutto, come auspichi, non cambierebbe niente; il fisco incasserebbe sempre +/- la stessa cifra; es. se un idraluico chiede 100 € NETTI A SPENDERE in nero tu paghi 100 € e basta, per farti la fattura non solo devi pagargli l'iva, ma anche le tasse, banana! quindi GIUSTAMENTE VUOLE +/- 160 € + IVA, cosi ti costa 194 € CONTENTO??

    Report

    Rispondi

  • qwerty1995

    17 Novembre 2012 - 20:08

    ...è che tutta la comunicazione di sistema abbia sempre occultato tutto questo. I proventi della mafia sono centinaia di milardi, questo sì viene scritto di tanto in tanto. E che per questo giro d'affari la mafia emetta regolare fattura solo un imbecille potrebbe pensarlo, ma chissà come mai nessuno nella stampa "politically correct" ha mai tenuto conto di questa ovvietà nello scrivere di evasione. In realtà il motivo di questa ipocrisia c'è, ed è la convenienza del governo, soprattutto del governo dei professori e dei suoi lacché, a mettere gli Italiani gli uni contro gli altri per nascondere i propri fallimenti: è molto più facile per un professore istruire gli Italiani a denunciare il vicino di casa, piuttosto che ammettere che, nonostante le onoreficenze accademiche, in economia non si è capaci di cavare un ragno dal buco. Un grazie a Claudio Antonelli per aver fatto sentire una voce di buonsenso, e fuori dal coro.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    17 Novembre 2012 - 13:01

    Non nascondiamoci dietro a un dito.Se mi dessero la possibilità di scaricare tutto, anche l'importo di un caffè avremmo un maggiore controllo sulle aziende e la possibilità di risanare il bilancio dello stato in breve tempo. Dentisti, carrozzerie,artigiani e tante altre categorie non si troverebbero più nella condizione di potere lavorare in nero.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog