Cerca

Le batoste non finiscono mai

Ecco tutte le tasse e gli aumenti del 2013

Ecco tutte le tasse e gli aumenti del 2013

 

Anno nuovo, aumenti nuovi. Archiviato il Natale, spenti i botti di Capodanno, gli italiani si troveranno a pagare di più per i servizi per una spesa complessiva che secondo le associazioni di consumatori si aggira sui 1.500 euro l'anno a famiglia. E da luglio, l'Iva passerà dal 21 al 22%, aumenterà la bolletta del gas con un rincaro dell'1,7%, pari a 22 euro all'anno. Aumenterà il pedaggio autostradale el 2,91% e, su rete Aspi del 3,47%. Anche chi si sposta in aereo dovrà fare i conti con un aumento delle tasse a carico dei passeggeri che saliranno allo scalo di Fiumicino da 16 a 26,50 euro. -Piuù cari di 10 centesimi i francobolli per le lettere, e di 30 centesimi per le raccomandate. Il canone annuo del Bancoposta sale da 30,99 a 48 euro.

Tre nuove imposte Se il 2012 è stato l'anno dell'Imu, il 2013 vedrà l'arrivo di tre ''nuove'' imposte. E per i contribuenti non si preannuncerà certo come un anno da prendere alla leggera. La pressione fiscale, in base alle ultime previsioni del governo, salirà dal 44,7% dell'anno appena concluso al livello record del 45,3%. Le nuove tasse guardano soprattutto alla casa e agli investimenti finanziari. Scatta da subito l'Ivie, l'imposta che si paga sugli immobili all'estero,da marzo scatta la Tobin Tax sulle transazioni finanziarie. Ma a caratterizzare l'anno sarà soprattutto la Tares, la nuova tariffa sui rifiuti che si preannuncia come un balzello di rilievo: si paghera' sulla grandezza degli immobili, manderà in pensione la vecchia Tarsu e assorbirà  la Tassa di Igiene Ambientale. Oltre agli aumenti delle bollette, delle autostrade, dei fracobolli, dei conti correnti ecco un prospetto di altre mazzate che ci porta il nuovo anno.  


Addizionali Irpef: Le regioni potranno applicare la maggiorazione dell'addizionale comunale anche ai redditi bassi (prima congelata per il 2013). Slitta inoltre al 2014 il quoziente familiare per l'aliquota Irpef regionale. 

Affitto,meno sconto ai proprietari: Si riduce dal 15 al 5% la deduzione forfettaria sui redditi delle locazioni ai fini Irpef. La norma non riguarda chi affitta con la cedolare secca. 

Auto aziendali Dal periodo d'imposta 2013 i costi delle auto aziendali per le imprese e i professionisti potranno essere dedotti al 20% e non più al 40%, a meno che non si applichi il regime dei minimi (sconto fiscale del 50%). La stretta riguarderà i veicoli diversi da quelli adibiti a uso pubblico (taxi) o utilizzati da imprese di noleggio, leasing o autoscuole. Per le auto assegnate ai dipendenti a uso promiscuo per la maggior parte del periodo d'imposta (più di 183 giorni l'anno), dal 2013 saranno deducibili al 70% (non più al 90%) le spese e gli altri componenti negativi, senza alcun limite di costo dell'auto.

Bonus Irap: L'aumento dello sconto riconosciuto alle societa' per ciascun dipendente e quello previsto per i ''piccoli'' salta al 2014. 

 

Bollo sui conti correnti: Non pagheranno i cittadini con depositi sotto i 7.500 euro, per gli altri l'imposta è di 34,2 euro per le persone fisiche e di 100 euro per le società. Si pagherà anche sulle comunicazioni ei prodotti finanziari: l'imposta sarà nel 2012 dell'1 per mille. 

Credito d'impossta digitale Le imprese che svilupperanno piattaforme telematiche per la distribuzione, la vendita e il noleggio di opere dell'ingegno digitali potranno beneficiare di un credito d'imposta del 25% dei costi sostenuti negli anni 2013, 2014 e 2015.

Detrazione figli  Lo sconto nominale sale fino a 950 euro per i figli sopra i 3 anni e di 1.220 per gli under-3. Salgono a 400 euro le detrazioni per i figli disabili. Inoltre per i contribuenti con piu' di 3 figli a carico la detrazione e' aumenta di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo.

Nuove fatture Dal 1° gennaio nella fattura dovranno essere presenti specifici elementi (quali partita Iva del committente o codice fiscale). Sarà possibile effettuare la fattura "differita" anche per le prestazioni di servizi. Per operazioni fino a 100 euro e in caso di fattura rettificativa, si può ricorrere alla fattura semplificata.

Legge di stabilità, art. 1, commi 325-335

Immobili agli esteri Scatta la nuova Imposta sul valore degli immobili all'estero. Va pagata dai residenti in Italia con proprieta' all'estero. L'aliquota è ello 0,76% del valore dell'immobile. 

Rc auto : Il contributo del premio assicurativo di responsabilità civile per i veicoli al Servizio Sanitario Nazionale può essere portato in detrazione soltanto per la parte che eccede i 40 euro, una franchigia che taglierà fuori dallo sconto molti automobilisti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    02 Gennaio 2013 - 17:05

    Colpisce chiunque "possieda, occupi o detenga locali atti a produrre rifiuti". Chi è quel cervellone che pensa che siano i "locali" a produrre rifiuti e non le persone che li abitano ? Siamo proprio finiti nelle mani di professori che dall'alto della loro scienza ci fanno rimpiangere gli analfabeti, certamente più concreti ed equi.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    02 Gennaio 2013 - 14:02

    con una mano si è premurato di prendere,con l'altra mano per ora promette di rendere qualcosa, ma intanto pagate e zitti. Come se non avessimo capito che la diminuzione delle tasse da parte di monti non avverrà mai, ogni anno ci sarà una manovra enorme per far quadrare i conti che invece di calare aumentano d'accordo con la Germania. Italiani votate tutti monti ma il giorno dopo trasferitevi ai Caraibi, così resteranno solo gli immigrati a pagare le tasse, fin a quando?

    Report

    Rispondi

  • sorjova

    02 Gennaio 2013 - 14:02

    forse perchè chiamai oca una vs. giornaltsta Faziosa e orribile???Se non intendete più pubblicare i miei post vi prego cancellarmi affinche io non perda tempo -grazie

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    02 Gennaio 2013 - 14:02

    Tares pagata sui mq. e non sulle persone. Una mia amica abita in una casa con il marito di circa 150 mq.,una casa grande perchè fino a pochi anni fa erano in 6 in famiglia, poi i figli si sono sposati o trasferiti per lavoro, il suocero è morto e quindi sono rimasti da soli, accanto vive una famiglia di 8 persone, una casa di circa 100 mq. Secondo una persona intelligente più persone più rifiuti ma per il sapientone no casa più grande più rifiuti, non importa se ci vivono 2 pensionati loro devono pagare di più. Ma come si fa far passare una legge del genere? Ma il governo tecnico ha fatto questa legge per incassare più soldi da chi fa meno rifiuti, che non sapessero fare di conto si era già capito. Ma Casini PD e PDL perchè votare una minchiata simile? solo per vendetta? E noi poveri tapini terrorizzati di cadere in un ipotetico burrone creato ad hoc che facciamo? Da bravi stronzi paghiamo e zitti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog