Cerca

Rapina di governo

Pensioni integrative, allo studio il rialzo dei prelievi sui rendimenti

Pensioni integrative, allo studio il rialzo dei prelievi sui rendimenti

Mentre 10 milioni di lavoratori italiani intascheranno il bonus di Matteo Renzi, ce ne sono altri 6, i titolari di pensioni integrative, che rischiano l’ennesima stangata a sorpresa. L’ipotesi, non troppo peregrina, sta prendendo corpo nelle ultime ore per tentare di mettere una pezza alla bomba lanciata sul settore previdenziale con l’aumento della tassazione sulle rendite al 26%.

L’incremento deciso dal governo per coprire il taglio dell’Irap alle imprese, infatti, si abbatterà in maniera indiscriminata su quasi tutte le forme di capital gain: dagli interessi sui risparmi dei conti correnti fino ai guadagni legati alla compravendita dei titoli di Borsa. Le uniche eccezioni riguardano gli investimenti in titoli di Stato e i rendimenti della previdenza integrativa, che continueranno ad essere tassati con imposta sostitutiva dell’11%.
Quest’ultima esenzione risponde ad una logica ben precisa, volta ad incoraggiare l’irrobustimento del secondo pilastro pensionistico nella consapevolezza che il primo, quello obbligatorio, presto non sarà più in grado di garantire prestazioni adeguate.

Le preoccupazioni sulla sostenibilità del sistema previdenziale non hanno però impedito che le casse private dei professionisti venissero tranquillamente lasciate fuori dalla rete di protezione fiscale. Anche per loro, infatti, è arrivato l’aumento del prelievo al 26% sui rendimenti delle masse gestite. Una randellata che, secondo i diretti interessati, si ripercuoterà immediatamente sulle prestazioni. Così come è già successo con il rialzo operato da Mario Monti. «La tassazione delle rendite al 20%», ha spiegato il presidente dell’Adepp (l’associazione degli enti di previdenza delle professioni), Andrea Camporese, «ha comportato una contrazione delle pensioni dell’8%, che salirà al 10% se sarà confermato l’aumento». Non solo. L’inasprimento impositivo si andrebbe anche ad aggiungere ad un regime fiscale che, caso unico in tutta Europa, prevede che i contributi versati dai professionisti siano soggetti ad una doppia tassazione. La prima sui rendimenti delle somme affidati agli enti, la seconda sul vitalizio erogato successivamente, che, a differenza dei fondi pensione complementari, viene tassato per intero, compresa la quota di plusvalenza guadagnata nel corso degli anni.

L’anomalia è così evidente che anche il governo si sta rendendo conto del pasticcio. Ieri il sottosegretario al Lavoro, Massimo Cassano, ha ammesso che «il sistema è assai oneroso per la previdenza privata» e ha parlato di un «intervento normative teso ad alleggerire tale onere». Bene. Ma dove si prendono i soldi? Il governo ha quantificato in 50 milioni l’impatto sugli enti di previdenza dei professionisti. Per recuperarli c’è chi ha già un’idea. «Se non ci sono risorse aggiuntive per evitare l’aumento sulle Casse», ha detto il sottosegretario all’Economia, Enrico Zanetti, solitamente allergico agli inasprimenti fiscali, «la proposta allo studio è quella di aumentare la tassazione dei fondi della previdenza complementare al 14 o 15%».

Ipotesi che, oltre ad essere dolorosa per le tasche dei lavoratori, potrebbe rivelarsi assai pericolosa per il settore. Malgrado gli sforzi, infatti, le adesioni alla fine del 2013 ammontavano a 6,2 milioni, con una quota di sottoscrittori attivi (che pagano i contributi) ferma al 20% della platea potenziale degli occupati. Difficile invertire la tendenza con dei balzelli aggiuntivi.

di Sandro Iacometti
@SandroIacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • baretta

    25 Luglio 2014 - 17:05

    ma perchè nessuno mi ascolta, a questi io non do da gestire nemmeno una pizzeria a taglio, perchè capaci di farla fallire, e credetemi è difficilissimo farla fallire, dove i soli ingredienti sono farina, acqua e pomodoro, il sale è la 1000° parte.Più fanno casini e più avanzano. Berlusconi sbaglio a pronosticare l'esistenza in italia di milioni di coglioni, In italia esistono milioni di masochisti

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    10 Maggio 2014 - 18:06

    Se succedesse qualcosa di "buono" dopo queste elezioni ne sarei veramente felice. Di questa gente non se ne può più.

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    10 Maggio 2014 - 16:04

    se vince Grillo e vincera' perche anche il piu addormentato degli italiani si sta svegliando ci sara uno scontro istituzionale senza precedenti con il rischio di guerra civile

    Report

    Rispondi

  • ulanbator10

    10 Maggio 2014 - 14:02

    I costi dello Stato non li taglia nessuno. E se qualcuno ci prova, viene fermato da poteri di vario genere. Gli italiani devono sperare nella nascita di un novello Cincinnato, che però diversamente dall'originale, prenda il potere con la forza e smantelli tutto l'apparato statale che non serve.Non e' Grillo, comunque.Una cosa del genere la puo' fare solo chi controlla Magistratura ed Esercito

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog