Cerca

Venghino signori, venghino

L'ultima promessa di Renzi: lo "sblocca-Italia"

L'ultima promessa di Renzi: lo "sblocca-Italia"

Altro giro, altra promessa: il presidente del Consiglio Matteo Renzi, intervenendo questa mattina al Festival dell'Economia di Trento ha riaperto il suo libro dei sogni, buttando là un nuovo slogan senza naturalmente precisarne contenuti e coperture. L'ultima trovata del renzi-pensiero si chiama "sblocca-Italia" (che peraltro sinistramente ricorda il Salva-Italia di montiana genesi). "Entro luglio - ha spiegato alla platea il premier - farò un provvedimento che si chiama 'sblocca-Italia', che lascerà fare alla gente quel che vuol fare e consentirà di sbloccare interventi fermi da 40 anni", aggiungendo che scriverà "a tutti i sindaci per chiedere di individuare sul loro territorio le questioni bloccate". Renzi ha spiegato anche che entro 15 giorni i sindaci dovranno scrivere a Palazzo Chigi, indicando i problemi locali: "Dagli investimenti bloccati per l'imprenditore al sindaco bloccato dalla sovrintendenza, fino all'imprenditore straniero pronto ad investire a Milano se non avesse i permessi bloccati".

Renzi ha dedicato una parte del suo discorso allo sciopero Rai contro i tagli, liquidando così la protesta: ''È una polemica incredibile. Lascia il tempo che trova. Mi spiace solo che se l'avessero annunciato durante le elezioni prendevo il 42,8%''. Il premier ha poi bollato come ''umiliante'' uno sciopero Rai ''quando qui tutte le famiglie, nel Paese reale tirano la cinghia''. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinodipino

    02 Giugno 2014 - 13:01

    Renzi toccati le palle costantemente perché i Gufi sono tanti, gente che pur di vederti in difficoltà si augura le peggiori cose per l'Italia. TENIAMODURO che duri!!!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    02 Giugno 2014 - 11:11

    Sicuramente un provvedimento epocale, rivoluzionario sia nei contenuti che nelle modalità di applicazione come il miserando "job act". A proposito, ma le legge elettorale che doveva essere pronta a gennaio se no il paese moriva che fine ha fatto? E i soldi per la messa in sicurezza del territorio? E i soldi per pagare i debiti della PA? E la riforma del fisco, che doveva vedere la luce a maggio?

    Report

    Rispondi

  • encol

    02 Giugno 2014 - 08:08

    Ciò per non essere a meno del suo predecessore , il prof., il quale ogni lunedì vedeva le luci in fondo al tunnel, e noi ci chiedevamo che cosa si fumasse la domenica.

    Report

    Rispondi

blog