Cerca

Impantanati

Deflazione, ecco cos'è e cosa cambia per le nostre tasche

Matteo Renzi

Ora è ufficiale: per la prima volta dal 1959 l'Italia è in deflazione. Un risultato tutt'altro che lusinghiero raggiunto proprio da Matteo Renzi, il premier dell'ottimismo e degli 80 euro, che però non sono serviti a un bel nulla. Ma che cos'è, la deflazione? Che cosa comporta? Queste le domande a cui, in breve, cerchiamo di offrire una risposta. Per prima la definizione: per deflazione s'intende una diminuzione generale del livello del prezzi, insomma l'esatto opposto dell'inflazione (che, al contrario, pur lieve, sta caratterizzando l'andamento macroeconomico dell'area euro, Italia esclusa).

Meccanismi psicologici - Per deflazione s'intende una discesa generalizzata del costo della vita. Buone notizie, pensate? Non proprio, perché gli effetti del fenomeno sull'economia sono disastrosi. In primis, con la caduta dei prezzi, se pur il conto per i consumatori diventa meno pesante, con la deflazione s'innesca un particolare meccanismo psicologico: rimandare l'acquisto attendendo un ulteriore calo dei prezzi. Stesso discorso per le aziende, che vengono invogliate a rimandare nel tempo gli investimenti produttivi già programmati, con ovvie conseguenze occupazionali. Il rischio, in buona sostanza, è che gran parte delle merci restino invendute in magazzino, che l'economia subisca una paralisi.

Debito pubblico - Ci sono poi le conseguenze relative al debito pubblico, che rischia di schizzare verso l'alto. Il Pil, infatti, aumenta ogni anno in valore assoluto anche grazie all'inflazione e, soprattutto, grazie ai beni e servizi venduti. Dunque, se l'inflazione risulta negativa, anche il Pil sarà destinato a scendere. Di conseguenza il rapporto tra l'indebitamento pubblico e il Pil, storico tallone d'Achille del Belpaese, potrebbe muoversi ancora verso l'alto.

Occupazione - La deflazione, insomma, va combattuta - e subito - con misure efficaci. Il rischio di una pericolosissima spirale è molto elevato. La riduzione dei capitali provenienti dall'attività commerciale, come accennato, si ripercuote a cascata sulla produzione e sterilizza la possibilità di nuove assunzioni. Il concreto rischio è che la già altissima disoccupazione schizzi ancora verso l'alto. Lo spettro della deflazione, in particolare, rischia di assestare un colpo fatale alle imprese che non riescono ad affacciarsi su mercati differenti da quello nostrano: in un mercato stagnante, sarebbero quasi inevitabilmente destinate a una precoce chiusura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    29 Agosto 2014 - 20:08

    Le aziente italiane,anche le più prestigiose hanno delocalizzato creando disoccupazione e calo della domanda interna.Il governo continua a picchiare il ceto medio (blocco pensione ecc.) generando meno consumi , calo della domanda interna e disoccupazione.I privilegi della casta non sono stati toccati.Anche il più coglione degli economisti avrebbe previsto la deflazione con quel che segue.

    Report

    Rispondi

  • tiumario

    29 Agosto 2014 - 18:06

    naturalmente come dicono i suoi simpatizzanti competenti bisogna lasciarlo fare, ci mancherebbe che non lo lasciamo fare e mica lo possiamo cambiare peggio per noi che lo abbiamo votato e magari bisogna fare buon viso a cattivo gioco perché a seconda delle previsioni il nostro ben amato capo dello stato ha pensato bene di avvisare Renzi : datti da fare atrimenti votiamo MONTI.

    Report

    Rispondi

  • tacos

    29 Agosto 2014 - 18:06

    Deflazione, altro regalo di Monti, Letta e Renzi. La Politica del Blocco delle pensioni, la non perequazione, la ventilata richiesta del fondo di solidarietà, l'aumento dell'IVA, l'IMU, le accise sui carburanti, l'irresponsabile avidità degli Enti locali i quali hanno aumentato tutte le tariffe possibili, le minacce ogni giorno del blocco degli stipendi agli statali. Questo risultato era previsto.

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    29 Agosto 2014 - 16:04

    Calma raga bisogna dare fiducia al renzie perché tra 1000 giorni vedrete i risultati capito? Non tra 100 che già sono troppi e la conta dei 1000 giorni e partita da ieri capito? Praticamente fino ad ora ha twittato e fatto tanti sogni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog