Cerca

I calcoli

Tfr in busta paga: ecco quanto si perde con le tasse imposte dal governo

Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan

Non c’è solo l’illogicità di fondo nelle norme sul Tfr in busta paga inserite nonostante molte contrarietà in legge di stabilità. C’è anche una scarsissima convenienza per i lavoratori nell’aderire al progetto. L’ha bene evidenziata la Fondazione studi dei consulenti del lavoro nella tabella che pubblichiamo in questa pagina: chiunque guadagni più di 15 mila euro lordi annui se aderisce al progetto di Matteo Renzi e si farà mettere il Tfr nella retribuzione mensile, perderà soldi regalandoli allo Stato.

Quanto perdi con il Tfr in busta paga
Le cifre: scarica e consulta la tabella
della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro

Perché il trattamento di fine rapporto sarà tassato in modo ordinario con le aliquote Irpef e non in modo agevolato e ridotto come avveniva fino ad oggi grazie alla tassazione separata. Sopra i 15 mila euro si regalano allo stato 50 euro all’anno ogni anno, sopra i 33 mila euro si regalano oltre 300 euro e così via fino a a un massimo di 569,17 euro di regalo fiscale a Renzi che si farebbe percependo più di 95 mila euro lordi annui. Una consistente fascia di lavoratori dipendenti ha peraltro un rischio assai maggiore: intorno alla fascia dei 28-30 mila euro lordi perderebbe del tutto la sua quiota di bonus da 80 euro percepita grazie alla legge in vigore nel 2014 che sarà prorogata - sia pure sotto altre forme- anche nel 2015. Il danno quindi potrebbe essere superiore ai 500 euro annui. Quella fascia perderebbe del tutto il bonus, ma anche le fasce più vicine ai 25 mila euro lordi annui chiedendo il Tfr in busta paga si vedrebbero ridurre per eccesso di reddito una quota anche consistente di quegli 80 euro che a seconda dei casi potrebbero scendere a 60, 40 o 20 euro.

Al di là delle singole convenienze, il Tfr in busta paga che sulla carta è semplice possibilità di scelta data ai lavoratori, si accompagna a un aumento sensibile della tassazione sui fondi pensione (che nella loro base patrimoniale grazie a una norma inserita in legge di stabilità si portano pure un aumento fiscale indiretto sulla tassazione degli interessi di titoli di Stato e obbligazioni pubbliche) che in una parte consistente dei casi rischia di rendere neutrale la perdita di reddito sopra spiegata. Il governo ha varato insomma una norma sul Tfr che si potrebbe chiamare: «padella o brace», perché per molti lavoratori l’alternativa è proprio quella di finire nell’una o nell’altra. Per ampie fasce di reddito il solo vincitore della grande idea di Renzi sul trattamento di fine rapporto sarà lo Stato che incrementerà le entrate fiscali da quella voce, tassando una volta di più il risparmio degli italiani.

È la seconda volta che Renzi segue questa strada in pochi mesi, come se la tassazione del risparmio fosse indifferente per i conti pubblici di un paese. Se l’Italia fino ad oggi non è fallita pur essendo in situazione di finanza pubblica non così lontana da quella della Grecia, è proprio perché gli italiani hanno imparato in questi anni a risparmiare e investire. Oggi è solo quella ricchezza privata che fa stare in piedi un’Italia con un debito pubblico spaventoso causato dai suoi politici, e con un patrimonio pubblico in gran parte invendibile e per il resto assai depauperato. Portare le aliquote sulle rendite finanziarie dal 20 al 26% come fece Renzi ad aprile e ora punire fiscalmente anche chi aveva aderito alla richiesta di risparmiare con la previdenza integrativa è semplicemente come bucare con un chiodo il salvagente che tiene ancora a galla l’Italia. Prima ancora che ingiusto è soprattutto stupido.

di Franco Bechis
@FrancoBechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scp.sf

    19 Ottobre 2014 - 18:06

    Non si perde solo il bonus!, Penso venga ridotta (pevista in base al reddito) la detrazione per lavoro dipendente, le detrazioni per i figli a carico e forse anche la riduzione degli assegni famigliari....Oltre, in alcuni casi, aumentare la fascia dell'aliquota Irpef. Bisogna fare i conti ! Certamente Il TFR in busta paga non dovrebbe contribuire al calcolo delle detrazioni.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    18 Ottobre 2014 - 10:10

    intanto, il bonus c'è fino ai 24/26000 e non 28/30 (e Padoan ha dichiarato che stanno studiando per non fargli fare accumulo). Secondo, sarà una prova per sei mesi; terzo, fino a 15000 tasse zero e fino a 25000 sono 4 euro al mese!!! quarto, nessuno obbliga qualcuno: ognuno deciderà se gli converrà usarli o meno, esattamente come altri tipi di risparmi. Ma di cosa state parlando, tonti maldestri

    Report

    Rispondi

    • paolino pierino

      02 Novembre 2014 - 12:12

      Sei proprio come tutti i psicosinostronzi Di gente come voi se non avessero il potere di votare senza ragionare giustificando questa masnada di illegali con a capo un boy scout ex Dc che non ha mai lavorato il parolaio Renzi ricordo pure mai votato,non me ne fregherebbe un cazz ma dato che votate con il c.,..o non avendo il cervello fregate pure chi ragiona .

      Report

      Rispondi

  • orovero

    17 Ottobre 2014 - 15:03

    Stiamo arrivando veramente alla Frutta!!!!!!, se non siamo già arrivati. Questo tutta opera dei due numero uno che dirigono il nostro Governo. Poveri Noi!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    17 Ottobre 2014 - 15:03

    L'avesse proposta la destra sta manovra del ladrocinio i sinistronzi avrebbero messo a ferro e fuoco l'italia a partire dal parlamento, oggi, che la manovra é dettata dal nuovo dittatore di sinistra in realtà filoguidato del berlusca, belano, alcuni di loro ne vanno anche fieri!! altri sono rimasti a 5 anni fa, parlano solo della sentenza di Ruby!! I SINISTRONZI: CHE BEL BRANCO DI DUDU' CHE SONO!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog