Cerca

Pugno di ferro

Jean-Claude Juncker avverte Matteo Renzi: "Senza riforme conseguenze spiacevoli per l'Italia"

Jean-Claude Juncker avverte Matteo Renzi: "Senza riforme conseguenze spiacevoli per l'Italia"

All'indomani delle parole di apprezzamento da parte dell'Eurogruppo per i programmi dell'Italia arriva la doccia fredda. Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Ue, avverte: se l'Italia e la Francia non procederanno con le riforme annunciate si arriverà "a un inasprimento della procedura sul deficit". Un duro monito a Matteo Renzi affinché alle parole seguano i fatti e che si che si attuino misure efficaci per centrare l'obiettivo di riduzione del deficit strutturale.

Team-Merkel - A dar man forte a Juncker è intervenuto anche Jyrki Katainen il vicepresidente della Commissione Ue con le deleghe a Crescita e Competitività: "Servono le riforme oppure tutto sarà inutile - spiega il falco del rigore -. Se restano ostacoli burocratici agli investimenti privati, se l'amministrazione è lenta, se ci sono incognite non finanziarie, il nuovo fondo Efsi potrà far poco". In un'intervista a La Stampa ha spiegato che vanno rimosse le barriere e gli Stati devono far ordine in casa. "La risposta non è nel creare nuovo debito - dice - ma nel focalizzarci sulle riforme che servono a stimolare la ripresa".

L'ultimatum - Juncker comunque, nell'intervista, “suggerisce” ai lettori tedeschi di "dare fiducia". Almeno fino a primavera. "Dovremmo dare fiducia agli italiani e ai francesi. E poi vedremo, proprio a marzo, come sarà andata". Infine spiega: "I governi ci hanno garantito che faranno quanto annunciato". L'ultimatum, dunque, è fissato per marzo: per l'Italia lo spettro è quello di pesanti sanzioni che costringano il governo a una nuova manovra, o a mettere in altri modi le mani nelle tasche dei contribuenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    11 Dicembre 2014 - 19:07

    Juncker e Katainen ci dicono che cosa dobbiamo fare, pena altre sanzioni. L'Italia, solo il fantasma di un Paese sovrano. E il nostro Governo prende ordini, senza neppure tentare di reagire.

    Report

    Rispondi

  • emmeduerappresentanze

    11 Dicembre 2014 - 16:04

    La storia insegna per un cambiamento totale ci sono state solo le rivoluzioni.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    11 Dicembre 2014 - 14:02

    Questo ultimatum è una cretinata assoluta! Cosa potrebbero farci??? sculacciarci? se avessimo un Governo serio ad ulteriori sanzioni si rifiuterebbe di pagarle, dopo di che o ci buttano fuori facendoci un favore oppure dovrebbero accettare di tenerci dentro ma senza sanzioni! L'UE, è bene ricordarlo, non è uno Stato ma un'associazione di Stati sovrani.

    Report

    Rispondi

    • summer1

      11 Dicembre 2014 - 14:02

      Condivido pienamente, forzando la mano contro Francia e Italia sancirebbero la fine dell'euro e dell'unione europea ed ogni popolo tornerebbe sovrano a casa sua.

      Report

      Rispondi

  • ramadan

    11 Dicembre 2014 - 13:01

    per aifide delle 12.12 : vuoi fare la guerra ai tedeschi che ci indicano la strada da seguire: perchè non li imitiamo ? e la guerra ai corrotti e corruttori invece sembra non ti interessi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog