Cerca

La campagna di libero

Combattere l'euro non è populismo
ma una battaglia di civiltà

I santoni della valuta unica liquidano così chi presenta i benefici dell’uscita. Ma i vincoli monetari rischiano di soffocare la persona umana

Combattere l'euro non è populismo
ma una battaglia di civiltà

E smettetela con questo ritornello del populismo. Uscire dall’euro è un’opzione che non può essere liquidata con la solita formula del mastrospazzolone lavatutto  vileda, per cui si scarica via il pensiero come se fosse acqua sporca: "populista", e via, "populista" e tanto basta, "populista" e non se ne parla più. Puff, un lampo: basta una passata a suon di "populismo" e le idee svaporano come le macchie di sporco nelle pubblicità. Libero ha avuto il merito di  aprire il dibattito su un tema molto sentito. Ha colto lo spirito del tempo e ha posto una domanda. Si può rispondere in un modo o nell’altro, si può essere pro o contro, si può avere qualsiasi opinione. Ma non si può liquidare tutto con la scorciatoia del "populismo".  Prima di tutto perché questo è un dibattito che sta circolando in ogni parte Europa, e sarebbe una follia cercare di stare in Europa in tutto e farsi escludere proprio dalla discussione che riguarda il nostro futuro. E poi, in secondo luogo, perché l’opzione "via dall’euro" ha tutti i fondamenti economici ed etici per poter (oserei dire: per dover) essere presa sul serio.

Ragioni economiche - Cominciamo dai fondamenti economici. Come se non bastassero le numerose prese di posizione pubblicate in settimana da Libero, ieri contemporaneamente su due organi di informazione distanti l’uno dall’altro (Il Foglio e Linkiesta)  sono apparse due interviste importanti con un premio Nobel e un quasi premio Nobel che ipotizzano proprio l’uscita dall’euro. "Uscire dall’euro è un’opzione reale, fattibile, non impossibile. L’Italia dovrebbe farlo", dice al Foglio Roger Bootle,  fondatore e direttore di Capital Economics e vincitore del Wolfson Prize, considerato il secondo premio del mondo per gli economisti dopo il Nobel. E su Linkiesta il premio Nobel James Mirrlees gli fa eco: "Se la situazione continuasse così, con un quadro sociale esplosivo di disoccupazione e austerity, ai paesi mediterranei  (fra cui ovviamente l’Italia, ndr) converrebbe uscire dall’euro".

Mi ha colpito molto, fra l’altro, la cruda semplicità dell’analisi del premio Nobel Mirrlees: "L’euro non ha funzionato come previsto", dice. "L’Italia non ne ha tratto nessun beneficio né per crescita né per riduzione del debito". E dunque: perché tenerselo? Un’analisi laica e schietta che stride con tanta fideistica venerazione  che si osserva in giro.  E che fa quasi far venire il dubbio che l’euro, più che uno strumento, sia diventato un totem: abbiamo paura ad abbatterlo, ma è una paura irrazionale, non basata su dati di fatto quanto su tabù. Anche il tentativo di evitare la discussione ricorrendo alle formule magiche ("Populisti! Populisti!") è sintomo  dell’atteggiamento sacrale che si ha nei confronti della moneta: non si combatte con argomenti, ma  al massimo facendo la danza dell’europioggia. Peccato però che, per quel finto totem sacrale, si sacrifichino reali vite umane, esistenze, attività, interi pezzi della nostra società.  Ecco allora che la discussione sull’euro acquista, come dicevamo, anche una dimensione etica, oltre che economica. Non a caso è stato lo stesso cardinal Bertone ieri, davanti al Papa e a Napolitano,  a sollevare il tema, sottolineando come  «la salvaguardia dei comuni vincoli di natura finanziaria e monetaria» non deve essere «disgiunta da un profondo spirito di solidarietà tra le varie generazioni e i differenti popoli». Come a dire: attenti, amici, perché ci sono alcuni valori e beni che vengono prima anche dell’unità monetaria, per quanto  difficile possa sembrare sotto il regno del Kaiser Merkel.  E dunque: sarà mica diventato populista anche il cardinal Bertone?

La gente lo chiede - No, non è populista lui e non sono populisti i premi Nobel.  Stanno, semplicemente, cogliendo un tema d’attualità, che per altro è molto popolare. Ecco, forse bisognerebbe spiegare a chi è troppo impegnato nella torre Bce per ascoltare quel che si dice sul tram, la differenza che passa tra ciò che è popolare e ciò che è populista. Bisognerebbe spiegargli che se la gente sta peggio, se si accorge alla bancarella del mercato ancor prima che nei convegni  teorici  che quest’euro senza Europa non funziona,  se  la gente non vede sbocco di uscita da una situazione di austerità che sta diventando un’opera di sterminio economico, ebbene forse sarebbe il caso di ascoltare quella voce popolare senza liquidarla in fretta come "populista". Del resto da sempre hanno bollato come "populista" anche  la richiesta di tagliare i costi della politica. Ricordate? Abolire il finanziamento pubblico dei partiti? "Populismo".  Risparmiare su voli di Stato e auto blu? "Populismo". Eliminare vitalizi e doppi stipendi dei ministri? "Populismo". Ora si sono forse resi conto dell’errore e cercando affannosamente (e con qualche inganno) di fare in modo che l’ex populismo si trasformi in programma di governo. Forse è tardi, però. Si potrebbe, per favore,  evitare di ripetere lo stesso errore con l’euro?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    01 Novembre 2013 - 18:06

    Qualcuno si chiederà se è una parte dell'automobile. Ma tanto Silvio riciclerà anche quello.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    28 Ottobre 2013 - 09:09

    E' l'Italia rovesciata da Berlusconi come un calzino. Invece è stato il calzino (sporco) a rovesciare l'Italia.. Oggi, a distanza di tempo da quando è stato proposto questo argomento quassù - possiamo tranquillamente dire e documentare - che lasciando l'euro e tornando alla lira, questa varrebbe qualche centesimo. Nulla di più:133% rispetto al PIL, lo Stato che non paga e vede partire o chiudere le imprese, 6 milioni di disoccupati, 70 miliardi di interessi annuali sul debito Pubblico. E non è colpa dell'euro perché la situazione preesisteva Dove si va da soli? A ramengo. Se non ci siamo ancora è perché rappresentiamo per gli altri paesi un mercato di sbocco con le nostre importazioni e per altre ragioni: si svende la nostra economia anche sana. L'argomento è già archiviato, d'altra parte, e nessuno parla più di lira, salvo voler polemizzare scioccamente. Dati, cifre, non fanatismo.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    26 Ottobre 2013 - 13:01

    Alcuni nella vita credono di essere dei fenomeni sostenendo "verità" alle quali credono solo loro. Lasciarglielo credere non costa niente. La regola migliore, anche in politica rimane quella di usare il buon senso. Alle verità rivelate dai vari Monti, Letta, imahfu diamo sempre una considerazione relativa.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    26 Ottobre 2013 - 09:09

    Non condivide quello che scrivo? Amen . Io l'ho scritto con le spiegazioni che nascono da esperienze lavorative nel campo specifico. Ma Lei, da quello che ha sinora scritto, é digiuno in quel campo e segue le fesserie altrui. L'argomento era troppo sconosciuto a Lei (e a Giordano il pressapochista che farebbe meglio a tornare a Pinocchio). Giusto percio' che non commenti e non dia un qualcosa che giustifichi il suo punto di vista. Euro sì, euro no, UE sì, UE no, è stato il leit motiv di una parte politica per nascondere le vere responsabilità e addossare su altri le proprie colpe. Quindi dicono di tutto senza senso. Come la RAI, insomma: ''di tutto di più'

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog