Cerca

Ciao, made in Italy

Addio alle Cucine Berloni: l'azienda viene comprata dai cinesi

Una società di Taiwan acquista il 50% del marchio, alla famiglia resta il sei: "Siamo sereni"

Addio alle Cucine Berloni: l'azienda viene comprata dai cinesi

Ora anche la Cina fa la "spesa" in Italia. Continua l'inesorabile smantellamento del made in Italy. Questa volta tocca a Taiwan prendersi un gioiello di casa nostra come "Cucine Berloni", storico marchio che da decenni arreda le case degli italiani. Dopo una lunga trattativa la cucina italiana per antonomasia finisce nelle mani dei taiwanesi di Hcg. Un passaggio obbligato per garantire la sopravvivenza dell’azienda, ora in concordato preventivo. Alla famiglia Berloni resta in mano il 6% e tre posti nel Cda, il 44% va ad Intermedia, mentre il 50% sarà appunto in mano alla Hcg.

Salvare l'azienda -  “Ora – ha detto Berloni parlando ai giornalisti e ai rappresentanti di Confindustria e delle istituzioni – mi interessa che il marchio continui a vivere e a operare a Pesaro. Se vorranno, io rimarrò presidente onorario della società ma si sappia che per salvare l’azienda ho messo sul piatto tutto quello che avevo, comprese le mie case. Come uomo e come imprenditore ho la coscienza a posto”. L’azienda è in concordato preventivo, che dovrà essere omologato dal tribunale di Pesaro". "Sapere oggi – ha commentato Berloni – che il nome Berloni, dopo cinquant’anni, potrà continuare il suo percorso in Italia e nel mondo non solo mi rende felice ma mi fa immaginare che tutto questo, anche le recenti vicissitudini, potranno tradursi in un forte connubio tra tradizione e innovazione. Sono certo che sapremo collaborare affinché lo spirito della nostra azienda possa sposarsi con progetti innovativi sia in campo industriale che finanziario”. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guifra35

    27 Luglio 2013 - 22:10

    Grazie alla demente politica delle tasse dei nostri governi che stanno determinando il fallimento e quindi la vendita a stranieri di tutte le Aziende italiane, e a quella dell'immigrazione, messa nelle mani di una Ministra extracomunitaria, tra qualche generazione sulla Penisola non resterà un solo italiano e non si chiamerà più neanche Italia. Politici del cazzo riflettete!

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    27 Luglio 2013 - 17:05

    Fanno bene a comprare le aziende italiane...tanto tra un po,coi vari referendum indipendentisti, l'Italia non ci sara' piu' !

    Report

    Rispondi

blog