Cerca

Ricatti di Stato

Imu, in arrivo la stangata per la seconda casa sfitta

Per Saccomanni è "ingiustificato che gli immobili sfitti siano esclusi dall'Irpef": se vuoi tenerti la casa di villeggiatura potrebbero dissanguarti

Imu, in arrivo la stangata per la seconda casa sfitta

La soluzione al giallo Imu dovrebbe - sottolineaiamo, dovrebbe - arrivare a fine agosto. Ma il tormentone dell'estate potrebbe durare a lungo: l'accordo bipartisan nel governo è ancora lontano. Come andrà a finire, insomma, è un mistero. Ma ci sono dei segnali importanti che non devono essere sottovalutati. Per esempio quelli lanciati dal ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, che si batte contro l'abolizione dell'imposta.  

La stangata - Il titolare di via XX Settembre, infatti, propone una semplice rimoludazione della gabella sulla casa e "una stretta sugli immobili a disposizione, seconde e terze case sfitte, oggi esclusi dall'Irpef a differenza di quelli affittati". Secondo Saccomanni si tratta di un'anomalia "tutta italiana, un'ingiustificata asimmetrica" che fa pesare l'imposta sul reddito solo sui proprietari affittuari, mentre non è prevista su chi lascia la casa vuota". In soldoni, l'idea è quella di stangare chi ha una seconda casa e da questa non ricava reddito, ossia la stragrande maggioranza degli italiani che vuole tenersi la dimora per la vileggiatura, o semplicemente sfitta per ragioni personali.

La "colpa"  La motivazioni della stretta ventilata da Saccomanni stanno in un recente studio di Halldis, che spiega: "Il ricavo lordo potenziale per ogni famiglia che mettesse un immobile a disposizione ammonterebbe a 10mila euro annui". Quindi, il "mancato investimento", "potrebbe generare un fatturato del settore extra alberghiero di 16 miliardi di euro, rispetto ai 6,6 miliardi attuali". Un fatturato che lo Stato potrebbe tassare. Insomma, non affittare la casa potrebbe trasformarsi in una "colpa", da "punire" con una maggiore tassazione per far fronte a quella che "sfugge" lasciando sfitto un immobile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • forart.it

    30 Luglio 2013 - 09:09

    Se avete problemi con immobili sfitti ed/od invendibili suggeriamo caldamente di donarle o concederle in comodato gratuito ad ONLUS od Organizzazioni di Volontariato (sono equivalenti): in questo modo si sostiene il terzo settore e si possono anche scalare le donazioni dal proprio reddito o, in caso di comodato, si è esentati dal pagamento dell'IMU.

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    30 Luglio 2013 - 09:09

    Ma se dovesse rispondere al vero sarebbe da chiedersi a chi fittare la casa al mare o in campagna se la gente non ha neppure i soldi per mangiare; perchè fittare se la legge sulle locazioni non tutela assolutamente il proprietario. Io penso che i comunisti e i berlusconiani abbiano una comune ideologia e linea politica: il più assoluto non rispetto della proprietà privata "degli altri".

    Report

    Rispondi

  • gino45

    29 Luglio 2013 - 22:10

    perchè i topi di fogna, grandi ladroni, possano vivere come nababbi.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    29 Luglio 2013 - 17:05

    ma se una persona riesce a farsi una casa per la villeggiatura della famiglia, perchè stangarla, se ha pagato tutte le tasse dovute all'origine. Capisco che chi ha di più paga di più, ma io la penso così: un'aliquota leggermente superiore a partire dalla seconda casa è giusta,( affittata o no, non ha importanza; poi chi ha tre case paga tre imu e chi ne ha 10 paga 10 imu, quindi paga di più. Sbaglio?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog