Cerca

Caccia grossa

Il Fisco a caccia di delatori
E se non rispondi ti multa

"Avete pagato in nero?". E se non rispondi ti multa: sanzioni fino a 2mila euro

Il Fisco a caccia di delatori
E se non rispondi ti multa

Matrimoni, funerali, affitti o prestazioni mediche. La bomba termonucleare finale del fisco è il contribuente. O meglio un questionario - previsto già da una Dpr del 1972 (ma rinfrescato e aggiornato nel 2006 dall’allora ministro Visco) - che viene recapitato in queste settimane per raccomandata dalla Guardia di Finanza (o dall’Agenzia delle Entrate) a chi abbia avuto un lutto, sia convolato a nozze oppure abbia usufruito di prestazioni mediche o servizi artigianali (fabbro, idraulico, installatore di infissi). Il sistema è semplice ed è già stato adoperato con successo (e incassi) in Puglia e Sicilia nel 2011. 

Visto il successo dei test ora le Fiamme Gialle - ha anticipato ieri Repubblica - cercano di arruolare un esercito di collaboratori più o meno spontanei. Infatti la norma prevede una sanzione non proprio ridicola a chi non dovesse rispondere entro 60 giorni dal ricevimento del primo questionario. Una bella cartella che può variare dai 258 ai 2.065 euro, oltre alla convocazione in comando e una bella strigliata per aver mentito. O una denuncia per falsa testimonianza.Matrimoni e lutti possono essere desunti dall’anagrafe, ma come fanno i segugi delle Entrate e delle Fiamme Gialle a scoprire che siamo andati dal dentista e non c’è stata consegnata la fattura? Semplice. Certo l’attività ispettiva e di controllo dei dati telematici si è molto affinata (controllo dei redditi, delle spese, dei conti bancari  delle proprietà). In più ci sono le verifiche e gli accertamenti in loco.

Un esempio. Se il nostro dentista infedele, incappato in un accertamento, nell’agenda degli appuntamenti, ha segnato per settimane e mesi il cognome del paziente, ma poi non ha rilasciato scontrini (o ne ha emessi di basso importo), è presumibile che abbia evaso. E quindi il questionario non fa altro che confermare quanto il fisco già ha accertato. Insomma, rafforza l’azione giudiziaria contro l’evasore. Nella missiva della Gdf si sottolinea che la compilazione è obbligatoria; i “non ricordo” non sono ammessi. Altrimenti scatta la sanzione e comunque viene rispedito il formulario. Però il contribuente-cliente riceve almeno la rassicurazione che se risponderà in maniera veritiera non passerà guai. Un modo un po’ contorto ma che in alcuni casi ha funzionato. 

A Bari, ad esempio, nel marzo del 2011 la Guardia di Finanza ha messo nel mirino gli studenti fuori sede. O meglio: i proprietari che affittavano case o stanze senza dichiarare un euro al fisco. Prima con avvisi nell’ateneo, poi con oltre 15mila raccomandate ai fuorisede, la Gdf ha stanato 360 appartamenti affittati “in nero” e ricavi non dichiarati per oltre 5, 5 milioni di euro. Tra l’altro è saltato fuori che i 362 locatori avevano evaso anche Imposta comunale di registro per circa 100mila euro ed omesso di dichiarare l’affitto alla polizia (inadempienza  che ha fatto scattare sanzioni per 69mila euro). E ai 47 studenti che hanno risposto in “maniera non veritiera” è stata inflitta una bella sanzione oltre alla denuncia per falsa testimonianza. E gli sposini siciliani? Abbiamo chiesto di conoscere il risultato dei controlli del 2011. Ma ancora non abbiamo avuto risposta.

di Antonio Castro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    12 Settembre 2013 - 16:04

    Certamente se io pago in nero un prodotto di certo non lo vado a dire alla finanza....Ma chi czz studia e promuove queste minkiate?

    Report

    Rispondi

  • accanove

    12 Agosto 2013 - 11:11

    non vogliono/possono tagliare le spese e devono cercare un "nemico" a cui addossare la responsabilità del fatto che continuano imperterriti a prelevare nel solito posto, le tasche dei cittadini e non perseguono ne i tagli ne le vere evasioni. Come sono finite le contestazioni di circa 4 miliardi contestate alle banche per elusione ed evasione? Come sta la questione dell'esubero di almeno 700.000 stipendi statali/politici/parastatali? Non ce n'è più per nessuno e prestissimo la cosa sarà manifesta e palese. Avrai la voglia a convincere lo statale che non riceve lo stipendio o il pensionato che aspetta la pensione che è colpa del fruttivendolo .

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    09 Agosto 2013 - 13:01

    evidentemente non pagate le tasse e magari avete pure il contributo del comune x l'silo dei figli. e non pagate il ticket. ricordaTEVI CHE cento anni fa IN AMERICA Al Capone andò in galera per evasione fiscale.CENTO ANNI FA e noi mandiamo in galera Berlusconi ,forse, solo adesso!!!

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    09 Agosto 2013 - 13:01

    echi paga gli insegnanti x tuo figlio? e il medico di famiglia? io pago le tasse fino all'ultimo centesimo e risponderò ai quesiti che la finanza mi invierà. era ora che si svegliasse.e speriamo che continuino a controllare. chi è onesto non ha nulla da temere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog