Cerca

fregature

Assegni, boom di truffe: clonarli e incassarli è sempre più facile

8 Gennaio 2018

1
Assegni, boom di truffe: clonarli e incassarli è sempre più facile

Boom di truffe sugli assegni circolari. I casi di furti di denaro attraverso questo mezzo di pagamento del passato si stanno moltiplicando da Nord a Sud. I truffatori colpiscono in due modi, rivela La Stampa: il primo consiste nella clonazione dell'assegno che viene riprodotto perfettamente e poi incassato con documenti falsi. Il secondo metodo invece è più sofisticato e pericoloso perché intercetta l'assegno autentico mentre è in viaggio via posta verso il suo destinatario. Una volta individuato viene incassato, sempre con un documento falso. Il più delle volte si tratta di assegni di pagamento mandati all'Inps. In questo caso, a essere truffati sono gli enti o le banche e non il pensionato. "Ci sono vere e proprie organizzazioni dietro a questo nuovo tipo di inganno con tanto di complici che forniscono le informazioni giuste", spiegano dal Comando Provinciale Carabinieri di Roma.

Alla base di questi raggiri c'è il furto dei nostri dati personali: basta una fotocopia della carta di identità, spesso necessaria per attivare un qualsiasi servizio. Così il dipendente truffatore rivende i nostri documenti. E poi c'è internet, ci vuole ben poco per per risalire ai nostri profili dettagliati e riportarli su carte di identità ancora in bianco che si acquistano facilmente in rete.

Insomma, bisogna stare attenti. Anche perché questi casi stanno aumentando in modo esponenziale: nei primi sei mesi del 2017 se ne sono contati 11mila, praticamente 60 al giorno (+39,5 per cento), e il danno è stimato in più di 80 milioni di euro (per un importo medio di 7mila euro). "Per i consumatori è indispensabile tenere sotto controllo i propri dati personali", avverte Beatrice Rubini di Crif -. E' bene tenere d'occhio il nostro estratto conto per controllare che non vi siano spese anomale così come è opportuno diffidare delle offerte incredibili, quelle che sembrano troppo belle per essere vere, perché potrebbero nascondere una truffa".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francoruggieri

    08 Gennaio 2018 - 16:04

    Esistono anche gli assegno bancari clonati. Come difendersi? Poiché questi falsari clonano l'ultimo assegno di un carnet, copiando la firma da un assegno autentico, che è tra i primi del carnet, la difesa migliore è cominciare un carnet usando l'ultimo assegno. Poi, poiché questi farabutti possono "sgamare" il trucco, usare il primo assegno del carnet. Poi il penultimo, poi il secondo e così via.

    Report

    Rispondi

media