Cerca

Lo dice il capo dell'Istat tedesca

Berlusconi voleva uscire dall'euro
La prova arriva dalla Germania

berlusconi euro

Lo sappiamo come è andata a finire: Silvio Berlusconi che si fa da parte e il campione dell'europeismo (da altri definito "servo della Merkel") Mario Monti che sale a Palazzo Chigi. L'Italia che resta nell'euro e obbedisce a tutti i diktat di Bruxelles. La storia, però, avrebbe potuto andare diversamente: nell'autunno del 2011, quindi poche settimane prima di dimettersi, il cavaliere aveva avviato le trattative in sede europea per uscire dalla moneta unica. E a dirlo non è un fedelissimo berlusconiano o un antieuropeista. Ma Hans-Werner Sinn, presidente dell'istituto di ricerca congiunturale tedesco, Ifo-Institut, durante il convegno economico "Fuehrungstreffen Wirtschaft 2013" organizzato a Berlino dal quotidiano "Sueddeutsche Zeitung". Il pratica, il capo di quello che in Germania è l'equivalente dell?istat italiano, il nostro istituto di statistica. Sinn si è poi calato nel ruolo del classico spaventapasseri/becchino europeo, dicendo  di "non sapere per quanto ancora l'Italia ce la farà a restare nell'Unione Europea: l'industria nel nord del paese sta morendo, i fallimenti delle imprese sono ormai alle stelle e la produzione industriale è in continuo calo". E che la possibilità di un'uscita, forzata o voluta, "è sempre concreta per Francia, Grecia e Italia", sottolineando che il salvataggio di due paesi come la Francia e l'Italia" ci costerebbe qualcosa come 4.500 miliardi di euro".

Tra i sostenitori del complotto ai danni dell'allora premier Silvio Berlusconi, proprio per impedirgli di portare il Paese fuori dall'euro, c'è Lorenzo Bini Smaghi, ex membro della Banca centrale europea. In un suo recente libro intitolato "Morire di austerità" (editrice Il Mulino), l'economista spiega come "la minaccia di uscita dall'Euro non sembra una strategia negoziale vantaggiosa. Non è un caso che le dimissioni di Berlusconi siano avvenute dopo che l'ipotesi di uscita dall'Euro era stata ventilata in colloqui privati con i governi di altri paesi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    05 Dicembre 2013 - 05:05

    Se no come si spiegherebbe la venuta di Van Rompuy(o come cazzo si chiama) in Italia..il governo fatto in 48 ore,Berlusconi costretto ad andarsene(qualcuno si rocorda della famosa caduta delle azioni Mediaset del 12% per convincerlo?)Rigor Mortis fatto in meno di 24 ore senatore a vita..e presidente del consiglio nelle ore successive?e tutte le tasse conseguenti?Ma ci volete fare passare per scemi o cosa?

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Novembre 2013 - 17:05

    A parte la dignità, ha svenduto il patrimonio immobiliare; voleva svendere le spiagge, ha fatto lo stesso con la Sardegna, ha svenduto tutto con i condoni a volontà. Persino le multe per sosta vietata: ho pagato un quinto. E' prerogativa dei bananas non guardare prima in casa propria ma di 'sparare' sugli altri immediatamente.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Novembre 2013 - 17:05

    I litigi nel Pd?= Ci sono ma sono nulla se rapportati al PDL che si é frantumato, polverizzato. Piccola dimenticanza...

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    24 Novembre 2013 - 22:10

    Dillo chiaro che tu non sei identificabile; non cercare gli altri. Dì pure che ti senti di fottere che il tuo idolo é nella polvere e che di economia non ha mai masticato nulla. Ricordati i tassi del 20% e oltre; ricordati le svalutazioni a gogo' che domani non sarebbero più possibili perché gli altri paesi porrebbero un tassa compensativa. Ricordati che importiamo dall'estero e pagheremmo di più. L'eccesso di rigore non ha nulla a che vedere con l'euro che, misuratore del valore, é neutro. Il nostro surplus di crisi é l'aver consumato oltre i limiti fidando nel debito che Berlusconi non ha mai considerato come la palla di piombo al piede. Don Silvio mi fa ridere perché é la sorte, ovvia e prevedibile, di chi si autodefinisce il miglior Primo Ministro della storia del Paese. E pensare che si dedicava alla mignotte a quell'età, non puo' che essere oggetto di derisione e io mi diverto a rilevare quello che si sapeva sarebbe accaduto. Non ti garba? Beh, vaffa...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog