Cerca

L'editoriale

Lettera ai vertici del Pdl:
adesso dimettetevi tutti

Due anni di batoste elettorali: la rifondazione è necessaria non solo nei volti, ma anche nel modo di fare politica

22 Maggio 2012

10

 

Allora, vediamo di riepilogare. Alle ultime elezioni il Pdl ha perso Monza, Parma, Como, Asti, Alessandria, Belluno, Brindisi, Lucca, Rieti, Isernia, Palermo e Agrigento: però dice di non essere morto. Può darsi che sia così, come sostengono i maggiori dirigenti del partito. Ma, vista l’emorragia di città amministrate, se non è defunto il Popolo della libertà dev’essere per lo meno moribondo. Altrimenti non si spiegherebbe come sia stato possibile che città storicamente moderate, dove nonostante i lifting ai simboli  quelli del Pd continuano a essere considerati sempre e solo comunisti, si siano buttate a sinistra. Senza l’estinzione per consunzione di quello che era fino a ieri il centrodestra, senza la sua prematura dipartita  - è stato fondato solo tre anni fa -  oggi alcune delle più grandi città del Paese non sarebbero nelle mani di Bersani e compagni, ma sarebbero saldamente condotte da uomini moderati. Certo, se lo desidera il Pdl può consolarsi con la riconquista di Frosinone e anche di qualche centro strappato alla sinistra, tipo Casarano in Puglia o San Salvo in Abruzzo, ma la sostanza delle cose è nella semplicità dei numeri. Fino a due settimane fa il Popolo della libertà guidava 81 comuni sopra i 15 mila abitanti e la sinistra ne aveva 47, oggi il Pdl ne ha 27;  Pd, Sel e compagnia cantante ne controllano 85. La situazione non migliora se si guarda ai capoluoghi: su 26 in cui si è votato il Popolo della libertà governava in 15 e due erano a guida leghista, oggi la sinistra ne ha 16, il Pdl 6 e uno è nelle mani del Movimento Cinque stelle.

C’è bisogno d’altro per riconoscere che si tratta di una sconfitta di proporzioni difficilmente paragonabili al passato? Serve aggiungere che un anno fa il centrodestra ha perso anche Milano ed è riuscito a regalare a un esponente dell’Italia dei valori una delle città peggio amministrate dal centrosinistra negli ultimi vent’anni? Che cosa dovremo vedere ancora prima di sentire il gruppo dirigente ammettere di essere stato battuto, o meglio spazzato via, a causa di una serie sterminata di errori che neppure gli elettori  più affezionati avrebbero potuto perdonare? Prima le liti, poi l’indecisione nel fare le riforme. In seguito una stangata proprio a quelli di cui si dovevano difendere gli interessi. Infine l’appoggio a un governo che sta attuando il programma del Pdl, ma al contrario. Come se non bastasse, all’appuntamento con le urne ci si è presentati con giunte cacciate per evidente incapacità o per  malaffare, oppure con candidati impresentabili. Risultato: ci sono città come Parma in cui il Pdl è scomparso, ridotto a meno della metà dell’Udc, cioè niente. Come si fa a passare dal 30 per cento al 4 in una legislatura? Semplice: si fa tutto ciò che ha fatto il centrodestra nella città emiliana. Ci si uccide, senza nessuno che dall’alto alzi un dito per fermare il suicidio.

Ribadiamo: i vertici del Popolo della libertà possono continuare a nascondere la testa sotto la sabbia e parlare di Tolentino, popoloso Comune delle Marche che dopo anni di guida a sinistra ha svoltato a destra, ma non sarà sufficiente a salvarli. Il voto delle Amministrative, per quanto non abbia valenza nazionale, non è un campanello d’allarme, come alcuni sostengono: è una campana a morto. Certo, volendo i dirigenti del partito possono rincuorarsi guardando i dati dell’astensione. In alcuni Comuni gli elettori che si sono recati alle urne non hanno neppure superato la soglia del quaranta per cento. I maggiorenti del Pdl possono convincersi che ciò rappresenti un segnale, ma non il tradimento di chi votava a destra, che  anzi - piuttosto di  mettere la croce sul simbolo del Pd, di Sel o dell’Italia dei valori -  ha preferito restare a casa. Ma questo non basterà a far ritornare quei voti. Al contrario rischia di allontanarli per sempre. Per riconquistare gli scontenti ed evitare di disperdere al vento o nelle mani di Grillo la grande area del voto moderato c’è bisogno di un grande cambiamento. Non basta togliere un’insegna e metterne un’altra. Né fare qualche ritocchino al programma: qui è necessaria un’autentica rivoluzione, un cambiamento radicale del  modo di fare politica. Servono nomi nuovi, volti nuovi, un’immagine di un partito proiettato nel futuro, mentre oggi, ahimé, lo sembra solo nel passato.

Sappiamo ovviamente che il discorso potrà apparire brutale e forse ad alcuni anche ingeneroso.  Ma il compito dei giornali amici è quello di essere franchi fino in fondo e non di nascondere la realtà per non dare un dispiacere a persone che ci sono vicine. Una pagina si è chiusa e un’altra si deve aprire. Noi ci auguriamo che il centrodestra lo capisca. In particolare, che lo capiscano i suoi vertici. Aprite le finestre e fate entrare un po’ di aria fresca. Soprattutto, fate uscire quella viziata: è arrivata l’ora.

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • helpid

    05 Giugno 2012 - 19:07

    ed inconcludenti, vergognosamente attaccati alla poltroncina che a breve darà tantissimi immeritati frutti inaspettati, già, avrebbero dovuto dimettersi appena re george ribaltò il governo, l'assunzione di responsabilità per mantenere il governicchio fà semplicemente ridere: cosa è cambiato dall'avvento del tecnocrate bruxelliano? Nulla!! Stiamo in braghe di tela, tutti, tranne le loro eminentissime kaste!! Vergognati berluska, hai tradito l'elettore per fini meramente personali, dell'itagliota non te ne fotte nulla. Proprio ora dovete mandare all'aria il governo e dare atto all'alternanza, vediamo il bersani come farebbe le riforme e farebbe ripartire l'economia ecc. Avanti kompagni, siete ad un passo dal potere, starò alla finestra per vedere come darebbero applicazione a tutte le stronzate che raccontano da tempo, siamo vittima dell'entrata prepotente nell'euro voluta dal clan mafioso di prodi&co., oggi finalmente si scopre che dovettero truccare i conti per entrare in europa!

    Report

    Rispondi

  • helpid

    05 Giugno 2012 - 19:07

    ed inconcludenti, vergognosamente attaccati alla poltroncina che a breve darà tantissimi immeritati frutti inaspettati, già, avrebbero dovuto dimettersi appena re george ribaltò il governo, l'assunzione di responsabilità per mantenere il governicchio fà semplicemente ridere: cosa è cambiato dall'avvento del tecnocrate bruxelliano? Nulla!! Stiamo in braghe di tela, tutti, tranne le loro eminentissime kaste!! Vergognati berluska, hai tradito l'elettore per fini meramente personali, dell'itagliota non te ne fotte nulla. Proprio ora dovete mandare all'aria il governo e dare atto all'alternanza, vediamo il bersani come farebbe le riforme e farebbe ripartire l'economia ecc. Avanti kompagni, siete ad un passo dal potere, starò alla finestra per vedere come darebbero applicazione a tutte le stronzate che raccontano da tempo, siamo vittima dell'entrata prepotente nell'euro voluta dal clan mafioso di prodi&co., oggi finalmente si scopre che dovettero truccare i conti per entrare in europa!

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    23 Maggio 2012 - 21:09

    Ci dica quanto sono costati ai contribuenti i 26 processi vinti da Berlusconi e se la bocassino and compani, invece di retrocedere hanno nel frattempo fatto carriera. Per favore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media