Cerca

L'editoriale

Perché il Cavaliere cavalca i diritti dei gay

25 Ottobre 2014

16

Silvio Berlusconi sta provando a uscire dall’angolo in cui l’hanno cacciato. Dopo la condanna per i diritti Mediaset e la successiva interdizione dai pubblici uffici, che cosa poteva fare d’altro? Accettare le sorti del destino e rassegnarsi a passare la mano? Doveva trovare in fretta un erede e decidersi ad abdicare? Forse. O per lo meno così pensano in tanti. Tuttavia c’è il problema che il Cavaliere non ha nessun erede a cui cedere il trono e l’uscita di scena avrebbe significato esclusivamente chiuder bottega, ossia tirar giù la serranda di Forza Italia e consegnare le chiavi del locale a un commissario liquidatore che provvedesse a evitare l’occupazione dell’edificio da parte di qualche senza tetto. Oh, sì, qualcuno ha parlato di affidare lo scettro a una figlia o a un figlio, così da poter continuare la dinastia. Ma i primi ad accorgersi che l’idea era bislacca sono stati gli stessi Berlusconi: il padre innanzitutto, il quale sa benissimo che la passione politica non si trasmette con atto notarile come un pacchetto azionario o la proprietà di un immobile. Oltre al cognome ci vuole ben altro e se uno ha nel sangue il dna non è detto che nelle vene abbia anche la tensione per la guida del Paese. Del resto Umberto Bossi provò a trovare in famiglia un delfino, ma alla fine si ritrovò tra le mani una trota.

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero di oggi 25 ottobre
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • c.camola

    26 Ottobre 2014 - 18:06

    Sarebbe stata una buona soluzione rendersi neutrale.

    Report

    Rispondi

  • tingen

    26 Ottobre 2014 - 17:05

    Evidentemente malconsigliato dal cerchio magico, ormai Berlusconi perde pezzi di elettorato ad ogni uscita: ex-democristiani, ex-an, donne, giovani. Gli elettori attendono solo l'uscita di Berlusconi per ricostruire il centrodestra.

    Report

    Rispondi

  • oviivo

    26 Ottobre 2014 - 11:11

    Il pregiudicato, P2 di Arcore, per risorgere cavalca i diritti dei Gay, a questo punto chissà che non diventi buon amico anche di Vendola???!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media