Cerca

L'editoriale

Resta l'obbligo di tenersi i fannulloni

27 Dicembre 2014

12

Più che una rivoluzione copernicana, come l’ha definita il presidente del consiglio a conclusione del Consiglio dei ministri, quella varata la vigilia di Natale con i decreti attuativi della riforma del lavoro appare una rivoluzione mancata. Nulla di quanto promesso in vista della riunione di Palazzo Chigi è stato infatti tradotto in legge. Non la possibilità di licenziare i fannulloni con la formula dello scarso rendimento né il cosiddetto opting out, ovvero la possibilità di non reintegrare un lavoratore licenziato anche in presenza di una sentenza del magistrato che ordina di reinserirlo in organico, a patto di pagare un indennizzo più alto di quello previsto. Perfino i licenziamenti per motivi disciplinari sono a rischio, perché è vero che i decreti attuativi del Jobs Act prevedono che il reintegro venga sostituito con un indennizzo, ma, nel caso in cui un giudice valutasse insussistenti le motivazioni addotte dall’azienda per rescindere il rapporto di lavoro, potrebbe disporre l’annullamento del licenziamento e il successivo reintegro del lavoratore, con il pagamento in aggiunta di un’indennità. E, ancor più incredibile, anche i licenziamenti collettivi sono in bilico, perché qualora non fossero ben motivati potrebbe aprirsi la strada di un ricorso ai tribunali che manterrebbe in piedi la doppia opzione: reintegro o indennizzo.

Insomma, se quella varata il 24 dicembre doveva essere una nuova caduta del muro, un confine che divide i lavoratori dalle imprese, impedendo con una rigidità che non ha eguali negli altri Paesi del mondo occidentale la creazione di nuovi posti di lavoro, si può concludere che la caduta non c’è stata.

Leggi l'editoriale di Maurizio Belpietro
su Libero in edicola sabato 27 dicembre
o acquista una copia digitale del quotidiano

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • albertnk73

    27 Dicembre 2014 - 18:06

    Eh sì... Cosa si fa quando c'è molta disoccupazione? Si aiuta a licenziare, è ovvio!!

    Report

    Rispondi

  • lello0305

    27 Dicembre 2014 - 17:05

    Ma tu Belpietro sei un lavoratore o un fannullone?

    Report

    Rispondi

  • emigalassi

    27 Dicembre 2014 - 15:03

    Intanto per far le cose fatte bene dovevano lavorare solo di giorno e non di notte, perchè è contro producente e, lavorare tutte le giornate finchè ce n'era bisogno. Penso che privati e statali debbano essere trattati nello stesso modo.Chi non rende , perché timbra il cartellino e se ne va per i fatti suoi , deve essere licenziato. Si è visto nelle varie trasmissioni il comportamento degli statali

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media