Cerca

Maria Giovanna Maglie

Bravo Obama, ci hai portato Al Qaeda in casa

Questo il risultato della guerra inutile fatta contro Gheddafi e della miopia di tutto l'Occidente

Barack Obama

Barack Obama

"È l'11 Settembre, stupid, quello è l'Islam che hai lasciato in mano ai fondamentalisti e l'hai chiamata primavera araba, quella è Al Qaeda  che avevi dato per morta tanto da ordinare celebrazioni delle Torri in sordina totale, e quelli sono i cadaveri di quattro americani che hai mandato allo sbaraglio in un territorio nemico. Come disegnavano i vignettisti la faccia di Jimmy Carter, presidente numero 39 degli Stati Uniti durante l'occupazione dell'ambasciata americana a Teheran, anno di grazia 1979? Come un sorriso gigantesco, anche più di trentadue denti, e il nulla intorno. L'Europa gli aveva dato il Nobel per la Pace. Come sembrava ieri Barak Obama, presidente numero 44 degli Stati Uniti, dopo l'uccisione a Bengasi del suo ambasciatore, di un funzionario e di due marines? Neanche più il sorriso a trentadue denti da piacione era rimasto", scrive Maria Giovanna Maglie su Libero in edicola oggi. Un'accusa pesante, quella rivolta al presidente che ha favorito la "primavera fondamentalista". Obama ci ha portato Al Qaeda in casa: questo è il risultato della guerra inutile fatta contro Gheddafi e della miopia di tutto l'Occidente.

Leggi il commento integrale di Maria Giovanna Maglie su Libero in edicola oggi, giovedì 13 settembre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • montorsoli

    19 Settembre 2012 - 16:04

    Mandateci Sarkò a fare l'ambasciatore a tripoli, magari lo ammazzano, sto' impunito

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    18 Settembre 2012 - 11:11

    gli Americani ci hanno liberato da un dittatore sanguinario: ci hanno portato liberta', benessere e dignita'. Non e' successo un secolo fa, e' successo una generazione fa (quella di suo padre). Eravamo morti di fame senza speranza e gli Americani hanno mandato i loro fogli a morire per salvarci. Si vergogni, ingrato scellerato. Quando gli Americani devono salvare il suo culo allora va bene , eh? Gente come lei mi fa schifo. Egoista ingrato. Si vergogni.

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    17 Settembre 2012 - 08:08

    È proprio il caso di ripetere all'infinito: "Americans, go home!". Non ho mai capito, ma sono convinto del contrario, perché gli statunitensi FANNO SEMPRE LA GUERRA IN CASA DEGLI ALTRI. Una cosa è certa, ed oramai anche i gli analfabeti l'hanno capito, gli USA si sono investiti del ruolo di "GUARDIANI DEL MONDO" secondo la programmazione del "Bilderberg Group" e "Trilateral". SVEGLIAMOCI!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    16 Settembre 2012 - 10:10

    concordo in pieno:ottima analisi. Ma tu vivi in Texas e tutti godiamo dei sani principi di liberta' e solidarieta' e sopratutto dignita' e opportunita' per tutti (gli Americani). Credo che hai capito cosa voglio dire. Diciamo che una cosa sono i controlli di Polizia (necessari e benvenuti) ma una cosa diversa sarebbe far vacillare quei principi. Credimi, vedo la lotta al terrorismo tutti i giorni qui a New York, e non vedo tentennamenti. Prima di Obama e dopo Obama. Bush ha sbagliato perche' ha creduto che democrazia, benessere e dignita' avrebbero prevalso. Ma non e' stato cosi'. L'organizzazione del terrore non molla il potere sulla povera gente e non e' facile reagire quando ti ammazzano per uno sguardo non gradito. E' la legge della preistoria. Gli americani ci hanno provato, ma adesso le cose (in politica estera) sono cambiate. Si vede chiaro che sono cambiate. Io sono repubblicano ma devo dare ad Obama il merito di avere guidato questo cambiamento necessario in sordina.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog