Cerca

Protestò in Tienanmen

Va in galera 20 anni dopo

Protestò in Tienanmen
 Le dittature hanno la memoria lunga. Vale anche per la Cina, vale anche per i fatti di piazza Tienanmen del 3 e 4 giugno 1989. L'anniversario della protesta studentesca si avvicina, e Pechino inasprisce la repressione. Uno degli attivisti di allora è rinchiuso il prigione da mesi (con l'accusa di "frode") e i suoi familiari non riescono ad avere notizie certe nemmeno riguardo a quale sia il carcere dove si trova. L'uomo "scomparso" è Zhou Yongjun, che da anni ormai viveva negli Stati Uniti con una regolare green card ma qualche mese fa era rientrato in Cina passando da Hong Kong per raggiungere in Sichuan i genitori malati. Che non riuscì a incontrare. Zhou appartiene alla diaspora del movimento pro-democrazia che raccolse studenti e operai a Pechino e in decine di altre città fra il 15 aprile e il 4 giugno 1989. Fu lui a inginocchiarsi - osservato dai media internazionali - sui gradini della Grande sala del Popolo, sul lato ovest della Tienanmen, durante uno dei tentativi di presentare le proprie richieste alla leadership del Partito comunista. Yongjun ha già sperimentato la repressione e fu arrestato anche in passato. Scarcerato, nel 1993 se ne andò negli Usa salvo tornare clandestinamente in Cina cinque anni dopo. Scoperto, trascorse 3 anni in un campo di rieducazione, periodo al termine del quale rientrò in America. Adesso da Washington, tramite l'ambasciata a Pechino e il consolato di Chengdu, le autorità statunitensi tengono il suo caso sotto osservazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sgrimola09

    16 Maggio 2009 - 11:11

    Dopo la rivolta degli ungheresi(1956)e dopo che i carri armati sovietici la avevano schiacciata,alla lettera,i comunisti arrestarono dei "rivoltosi" (potremmo definili patrioti o resistenti?) minorenni:li tennero reclusi sino al diciottesimo anno di eta' e,man mano che lo compivano li IMPICCAVANO!Ricordo che un importante comunista italiano dell'epoca,il dott.Giorgio Napolitano scrisse all'incirca che i carri svietici avevano difeso la liberta'!!!Ora i comunisti cinesi hanno preso il giovane patriota purtroppo rientrato dagli USA e lo terranno in carcere per 20 anni:se sopravvivera!Alla larga dai comunisti e dagli pseudopost comunisti:Zio gigi.

    Report

    Rispondi

blog