Cerca

La minaccia della guerra civile

Ucraina, accordo raggiunto a Ginevra: "Scioglimento dei gruppi illegali e riconsegna degli edifici occupati"

Ucraina, accordo raggiunto a Ginevra: "Scioglimento dei gruppi illegali e riconsegna degli edifici occupati"

Uniti per scongiurare il rischio della guerra civile. Riuniti a Ginevra, i rappresentanti di Stati Uniti, Russia, Unione Europea e Ucraina, hanno firmato l'accordo anti crisi. A dare l'annuncio, il ministro Serghei Lavrov, titolare degli Esteri per il governo di Mosca. L'intesa prevede lo scioglimento dei gruppi armati illegali che si sono formati nelle regioni ucraine e prescrive la riconsegna degli edifici occupati. Dovranno, inoltre, essere sgombrate le strade e le piazze attualmente presidiate. Tra i punti dell'accordo, anche l'amnistia per tutti i manifestanti, a eccezione di quelli che hanno commesso reati gravi.

Spazio anche al dialogo: Lavrov, infatti, ha annunciato che dovrà essere avviato un tavolo nazionale aperto a tutti i gruppi e a tutte le zone del Paese. spetterà ai «partiti ucraini» attivarsi per superare l’attuale crisi. Agli operatori dell'Osce, l’Organizzazione per la Cooperazione e la Sicurezza in Europa, sarà questo senso affidato un ruolo di mediazione. Dal canto suo, il presidente russo Vladimir Putin, che non ha preso parte all'incontro di Ginevra, ha lanciato l'ennesimo avvertimento al popolo di Kiev: "Spero di non dover usare la forza, l'Ucraina è verso l'abisso". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog