Cerca

Europa bloccata

Ucraina: "Accordo su cessate il fuoco con la Russia". Nato e Ue contro Mosca: il terrore per il piano segreto di Vladimir Putin

Ucraina: "Accordo su cessate il fuoco con la Russia". Nato e Ue contro Mosca: il terrore per il piano segreto di Vladimir Putin

Mosca e Kiev hanno trovato un accordo su un cessate il fuoco permanente nell'est dell'Ucraina. Lo fa sapere l'ufficio del presidente ucraino Petro Poroshenko , che in mattinata ha contattato telefonicamente il collega russo Vladimir Putin. Una boccata d'ossigeno per gli ucraini che segna probabilmente uno snodo cruciale nella crisi al centro dell'Europa e che in qualche modo avvalora quanto sostenuto, in privata sede, da alti ufficiali della Nato: "La Russia ha già vinto la guerra in Ucraina". Parole che fanno capire a tutti, se ancora ce ne fosse bisogno, che lo schieramento di 4.000 uomini delle truppe dell'Alleanza atlantica nel Baltico non sono altro che un avvertimento a Vladimir Putin: fermati a Kiev e non toccare Estonia, Lituania e Lettonia. Sì, perché l'impressione è che l'Ucraina abbia di fatto perso la propria indipendenza politica. Gli analisti internazionali guardano con un misto di preoccupazione e ammirazione alle manovre a tenaglia portate avanti nell'Est dell'Ucraina dagli strateghi di Putin, dal ministro della Difesa Sergej Shojgu ai capi di aviazione, marina e forze speciali (Salykov, Bondarev, Chirkov, Shamanov). E la preoccupazione diventerebbe terrore se Putin spostasse tra qualche settimana l'attenzione sul Baltico, per l'annessione delle tre ex repubbliche sovietiche.

Il pericolo degli hacker - Il dispiegamento di truppe di terra, aerei e navi nell'area del Nord Europa da parte della Nato rappresenta dunque un deterrente, non una minaccia di intervento immediato. Un ultimo tentativo di mediare politicamente la fine di una guerra quasi ignorata per mesi dall'Occidente. Una guerra in cui, beninteso, l'Occidente sa di non avere alcuna convenienza ad intervenire. Le agenzie di sicurezza dei paesi del Patto atlantico hanno già messo in guardia i governi di possibili rappresaglie di Mosca: innanzitutto, un attacco su larga scala dei temutissimi hacker russi, perché le battaglie oggi si perdono anche sul web. 

Cosa succede con le sanzioni - E poi c'è il piano economico-finanziario, con ripercussioni in grado di mettere in ginocchio tutta l'Europa. In ogni caso, la Germania trema per le ricadute sulle forniture energetiche. Se la Russia verrà attaccata, il primo risultato sarà bloccare l'approvvigionamento per l'estero. Se prenderà il controllo di Kiev, potrà a maggior ragione fare il bello e cattivo tempo. E comunque, "senza energia russa - è l'allarme strisciante a Berlino - sopravviveremmo per al massimo cinque mesi". L'Ue e la neo-Alta rappresentante per le politiche estere comunitarie Federica Mogherini provano ad alzare la voce con Putin, minacciando sanzioni: "La partnership tra Unione e Mosca non esiste più per scelta della Russia", attaccava ieri il ministro italiano. Come spiega Maurizio Ricci su Repubblica, le armi in mano all'Europa sono essenzialmente finanziarie. Un modo per piegare Putin potrebbe essere allargare il numero di banche russe da "bloccare" sui mercati europei. In più, potrebbe scattare il divieto per gli europei di investire in quelle stesse banche per più di 30 giorni (contro i 90 attuali), per chiudere i rubinetti di denaro che rendono forti le casse russe. Estrema arma: escludere dai mercati finanziarie comunitari i colossi dell'energia russa Rosneft, Gazprom, Lukoil o negarli prestiti. Ma sarebbero tutti colpi alla Tafazzi: fare male alla Russia significherebbe dare colpi mortali all'Europa, anche perché le banche europee (soprattutto italiane, austriache e francesi) vantano 200 miliardi di crediti a Mosca. Distruggere il mercato e le finanze russe significherebbe farsi molto, molto male con le nostre stesse mani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • monorchio00

    14 Febbraio 2015 - 00:12

    la russia va annientata, coinvolgendo nel conflitto più paesi possibile.

    Report

    Rispondi

  • osservore

    12 Settembre 2014 - 16:04

    I RUSSI portano soldi è il 2 paese dell'EU con scambi commerciali con L'ITALIA l'unico paese d'Europa che è in grado di salvarci dal terrorismo musulmano e noi facciamo la guerra a PUTIN.E' stata un scelta scellerata dell'Europa capeggiata dalla MERKEL e OBAMA i nostri politici ITALIANI con a capo GIANBURRASCA saranno pronti ad ubbidire al RE Giorgio amico della MERKEL e di OBAMA.

    Report

    Rispondi

    • monorchio00

      14 Febbraio 2015 - 09:09

      dove hai letto questa cosa?!?!!? l'italia esporta in russia per 10 Mld di euro, ovvero circa lo 0,3% delle esportazioni.... non confondere fantasia e realtà......

      Report

      Rispondi

  • jerico

    06 Settembre 2014 - 09:09

    Ma a noi che c... ci frega dell'Ucraina ? I soliti americani che vogliono papparsi le ricchezze energetiche della Russia,non ci sono riusciti con le buone ed i trucchi della Borsa,ed ora ci provano con le armi, gli americani sono dei guerrafondai, ci hanno liberati dal Nazismo, solamente per espandere i loro mercati commerciali, questa è la realta ,grandissimi figli di p...!

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    04 Settembre 2014 - 13:01

    Il piano segreto di Putin, di segreto non ha niente! Putin vuole che l'Ukraina resti nell'area russa come è stato da molti secoli. Quello che non riesco a capire è che importanza possa avere un paese sull'orlo del fallimento economico per un'Europa che economicamente è agli sgoccioli!!! Magari fosse ricca e florida, potrei capirlo. Ma non lo è, tutt'altro!!!

    Report

    Rispondi

    • agosman

      04 Settembre 2014 - 14:02

      Sono d'accordo. Non credo che Putin abbia piani segreti. Putin è una persona che sa il fatto suo; ha le idee chiare su come siamo messi in Europa; ha capito perfettamente dove vogliono andare a parare Obama e la cordata dei poteri forti USA che lo hanno voluto alla Casa Bianca e lo usano come un pupo. Sono sicuro che Putin sia un uomo di pace ma non esiterà ad essere durissimo se necessario.

      Report

      Rispondi

    • ceccopeppe1940

      04 Settembre 2014 - 14:02

      Sig. agostino lei ha ragione.Ricercando il perche' mi viene di pensare che gli USA hanno sospinto l'Ucraina allo scontro per frantumare i rapporti molto stretti tra Russia e Germania in primis,nonche' di altri paesi Ue,in particolare l 'Italia. E non solo,ma Putin avrebbe mai potuto cedere le basi navali della Crimea ad Obama?Insomma un altro disastro della politica Usa e danni per l' Europa .

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog