Cerca

Il parere degli esperti

Jihad, Is: le decapitazioni come efficace arma di propaganda

Jihad, Is: le decapitazioni come efficace arma di propaganda

Gli islamisti dello Stato Islamico (Isis) di Abu Bakr al-Baghdadi fanno proseliti soprattutto grazie alle barbarie. Può sembrare un paradosso, ma gli esperti occidentali non hanno dubbi. Aaron Zelin - esperto di gruppi jihadisti del Washington Institute - afferma che "le decapitazioni giovano ai terroristi che le praticano". Secondo un recente rapporto dell'intelligence britannica le decapitazioni provocano un "effetto sul reclutamento dei volontari stranieri".

Effetto choc - Timothy Furnish, islamista dell'Università della Georgia, parla di "effetto choc" per descrivere "ciò che i terroristi cercano sin dagli anni Settanta ed Ottanta", sottolineando che "iniziarono con il dirottamento degli aerei, per poi continuare con gli attacchi kamikaze fino ad arrivare, oggi, alle decapitazioni, riuscendo così a "massimizzare lo choc fra i nemici e il sostegno nelle regioni dove si trovano ad operare". Shashank Joshi del Royal United Services Institute di Londra concorda: "La natura grafica della decapitazione, con il focus sull’individuo, ha un impatto dissacrante e violento assai più agghiacciante di un’autobomba".

E' scritto nel Corano - Furnish spiega la particolarità delle decapitazioni rispetto ai precedenti "effetti choc": "Si richiamano alle origini dell’Islam perché nella Sura 47 del Corano è scritto 'quando incontri gli infedeli colpisci i loro colli' e nella Sura 8:12 si legge 'colpirò nel cuore degli infedeli, levagli le teste e le punte delle dita'.

Ritorno al passato - Fred Donner, storico dell'Islam all'università di Chicago, aggiunge che "è su queste basi che nell’Impero Ottomano le esecuzioni erano molto frequenti, così come ancor oggi l’Arabia Saudita pratica la decapitazione per le esecuzioni capitali, rifacendosi alla Sharia". In particolare, nel caso di al-Baghdadi, il richiamo alle origini dell'Islam ha un valore considerevole perché "scegliendo per sé il titolo di Califfo si è autoindicato come successore di Maometto", lasciando intendere di voler combattere come si usava allora.

Impossibili le trattative - Aaron Zelin riassume il concetto dicendo che la conseguenza diretta per gli Stati degli ostaggi sarà "l'impossibiltà di trattare": lo Stato islamico non appare interessato a tali esiti, obbligando gli Stati a esplorare "un terreno sconosciuto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    05 Settembre 2014 - 13:01

    è un popolo che va annientato dalla faccia della Terra, tanto sono pericolosi gli islamici. Parafrasando la zizzania a l'Islam si deve assolutamente estirpare questa erbaccia che cresce in un campo di grano che all'occasione rappresenta l'Occidente, civiltà cristiana. La zizzania è un cereale tossico dannoso che se non viene estirpato è in pericolo tutto il raccolto, ossia il cristianesimo.

    Report

    Rispondi

  • Megas Alexandros

    03 Settembre 2014 - 23:11

    Spazzarli via dalla faccia della terra, SUBITO! Loro ed il loro Profeta perverso e sanguinario sono degli imbecilli che adorano un dio che non esiste, la loro religione e solo becera politica di dominio! Vanno annientati! Altro che libertà di religione, nessuna libertà vi può essere per chi ha un libro sacro che incita all'omicidio e alla tortura per chi non la pensa come loro!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    03 Settembre 2014 - 22:10

    Non credo che Putin prenda sottogamba le minacce degli mislamici della guerra santa. Però, Putin, e la russa hanno come arma a difesa della lolro nazione un piano che preveda la costruzione di un nuovo STATO FEDERATIVO RUSSO avente una nuova Costituzione dove ogni stato federativo Costituzionalmente sarà equiparato nelle sue articolazioni dei diritti e dei doveri alla pari di tutti gli altri.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    03 Settembre 2014 - 22:10

    Molti di coloro che per professione fanno gli interpreti analitici dei molteplici accadimenti che stanno avvenendo nel mondo, dovrebbero ricordarsi quando ancor giovani,direi studenti e scapestrati, iniziavano per scherezo a sfottersi per poi,dallo scherzo si passava al vero. Gli Islamici professanti la guerra santa,sembra che ormai, le loro organizzazioni sono passate dalla teoria alla pratica.

    Report

    Rispondi

blog