Cerca

L'orrore

Isis, decapitato Alan Henning. La prossima vittima sarà un americano

Isis, decapitato Alan Henning. La prossima vittima sarà un americano

Un'altra decapitazione. Ancora orrore firmato Isis. L’ostaggio britannico Alan Henning sarebbe stato decapitato. I miliziani dello Stato Islamico hanno pubblicato in rete un video nel quale viene mostrata quella che sarebbe l’uccisione del 47enne che era stato rapito in Siria nove mesi fa. L'annuncio della sua decapitazione sarebbe arrivato ancora una volta con un video diretto alla Gran Bretagna come ritorsione per l'appoggio alle operazioni anti-Isis degli Stati Uniti e dell'occidente. 

La clip e la prossima vittima - Il filmato - la cui autenticità non è stata ancora verificata - mostra un combattente del gruppo che decapita l'ostaggio con la setessa dinamica delle precedenti esecuzioni. Anche stavolta, alla fine del video il militante minaccia un altro ostaggio: si tratterebbe di Peter Kassig, ex ranger dell'esercito statunitense in missione nel 2007 in Iraq. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filadelfo

    04 Ottobre 2014 - 13:01

    Ma è proprio necessario fare pubblicità a questi assassini con tanto di immagini del boia e della povera vittima, di messaggi, di annunci della prossima vittima sacrificale? Non sarebbe opportuno il silenzio stampa o al più limitarsi a dare la notizia e basta, sperando che fermino la loro mano assassina queste belve umane?

    Report

    Rispondi

  • Edgard

    04 Ottobre 2014 - 10:10

    E' difficile accettare sentenze di questo genere, ma va da se che chi alimenta questi criminali avrà a sua volta pan per focaccia. Renzi, se avesse gli attributi, dovrebbe porre una linea chiara di demarcazione tra essere alleato ed essere complice di quei paesi che alimentano i crimini: Usa, Qatar, Arabia, Israele, Turchia, Gran Bretagna. Ma il "toscanello" si fa fumare senza ritegno.

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    04 Ottobre 2014 - 09:09

    a lungo Paesi come Turchia,Qatar,Emirati ed arabia Saudita hanno inondato di denaro ed armi questi farabutti;oggi,questi stessi paesi si allineano alla coalizione internazionale per bombardarli.Atteggiamento pressoccheè schizofrenico,che mi ricorda quello dellè America con i mujhaedin afgani ai tempi della guerra con i russi. Chi semina vento raccoglie tempesta;coglioni.

    Report

    Rispondi

blog