Cerca

All'aeroporto di Monaco di Baviera

Germania: fermato 65enne italiano alla dogana, portava con sé 200 uccelli morti

Germania: fermato 65enne italiano alla dogana, portava con sé 200 uccelli morti

Una grottesca vicenda, accaduta in Germania, di cui si è reso protagonista un italiano, di 65 anni. L'uomo, arrivato all'aeroporto di Monaco di Baviera, è stato sottoposto ai consueti controlli: nella sua valigia, sono stati trovati duecento uccelli morti, avvolti in buste di plastica. "Sono un cacciatore, li ho uccisi in Romania e li stavo portando a casa per mangiarli", si è giustificato il 65enne. Gli animali sono stati sequestrati e il 65enne rischia una multa di mille euro. Nella busta di plastica c'erano due specie di uccelli protetti in Europa: le pispole (la cui caccia è vietata da trent'anni) e le allodole, che non si possono cacciare nel nostro Paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    30 Ottobre 2014 - 11:11

    chissà se li mangiava con la polenta unta, messa nella leccarda mentre lo spiedo gira. Ci vuole lo straculo e il lardo con una foglia di salvia. Molti inframezzano anche del fegato di maiale. Che boniiiiii

    Report

    Rispondi

    • blues188

      30 Ottobre 2014 - 13:01

      Giusto! Gli uccellini fatti bene sono una delizia del palato. Una volta l'anno si possono anche mangiare, alla faccia degli animalisti e delle farfallebianche

      Report

      Rispondi

  • farfallabianca

    29 Ottobre 2014 - 20:08

    Spero che faccia la stessa fine degli uccelli prima di Natale.

    Report

    Rispondi

blog