Cerca

Un caso a Mosca

Russia, rischio default: perché la corsa al ribasso del petrolio terrorizza Vladimir Putin

11
Russia, rischio default: perché la corsa al ribasso del petrolio terrorizza Vladimir Putin

La corsa al ribasso del petrolio, vicino ai 60 dollari al barile, rischia di mettere fuorigioco diversi Stati: si parla di un vero e proprio default, e non del "semplice" blocco della produzione di shale, il rischio che corrono in primis gli Stati Uniti. La lista dei paesi a rischio-crac la stila Il Sole 24 Ore. Al primo posto c'è l'Iran, che fissa il punto di pareggio di bilancio con un petrolio a 140 dollari al barile, 20 dollari in più di quelli "necessari" al Venezuela, altro paese a rischio crac. A rischio anche l'Arabia Saudita, che però può contare su riserve valutarie molto più consistenti. Quindi il Kuwait, la cui fonte di ricchezza quasi esclusiva è l'oro nero, ma che per ora dorme sonni più tranquilli: il punto di bilancio è fissato a 53 dollari. Ma è il quinto Paese della lista quello più sorprendente: si tratta della Russia di Vladimir Putin. Il governo di Mosca, infatti, fatica a mantenere le promesse di spesa pubblica già quando il petrolio scivola sotto i 100 dollari al barile. Il rischio default, dunque, è concreto. Putin, però, ha un vantaggio per esempio rispetto a Venezuela ed Arabia Saudita: si aggancia all'andamento del dollaro per le esportazioni. Può dunque contare su una svalutazione competitiva del rublo (che ha aggiornato il minimo storico a 53,91 centesimi), che dunque in parte controbilancia la caduta del prezzo del petrolio, rendendo le esportazioni del Paese più competitive.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capcap

    10 Maggio 2015 - 13:01

    Vi ricordate IVAN IL GRANDE? A prescindere dai valori di colore e politici NON SI PUO' NON CONSIDERARE la Russia.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    18 Dicembre 2014 - 03:03

    Libero porta sfiga, per Libero la svalutazione competitiva del Rublo rende le esportazioni appetibili e competitive, un vero vantaggio scrive... e si sta proprio vedendo come gli economisti di Libero ci azzeccano sempre, e sti bastardi spingono pure per uscire dall'euro...

    Report

    Rispondi

  • gitex

    03 Dicembre 2014 - 15:03

    gli Usa invece sono giá in default avendo un debito di 18000 mln e che aumenta di mese in mese....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media