Cerca

Los Roques

Ritrovato il corpo di Vittorio Missoni
disperso dopo l'incidente aereo in Venezuela

Lo stilista e gli altri tre passeggeri erano rimasti intrappolati nel relitto del YV-2615 precipitato in mare

Vittorio Missoni

Vittorio Missoni

E' iniziata a Los Roques, in Venezuela, l'operazione di recupero dei cadaveri sul luogo del disastro aereo in cui il 4 gennaio scorso hanno perso la vita Vittorio Missoni, la moglie Maurizia Castiglioni, due amici della coppia e il pilota Germa'n Marchant. I corpi erano rimasti intrappolati nel relitto del YV-2615 precipitato in mare. Le operazioni sono iniziate lunedì dopo l'autorizzazione ufficiale delle autorità. Secondo quanto riferisce 'El Universal' le operazioni proseguiranno fino al completo recupero del velivolo che servirà stabilire le cause dell'incidente, se si sia trattato di un errore umano o di un'avaria tecnica. Oltre ai passeggeri, secondo quanto riporta l'Ansa, a bordo del velivolo sono stati trovati i resti del copilota - Juan Carlos Ferrer Milano. Non sarebbero stati trovati, invece, i resti del pilota, German Marchant. I resti delle vittime della sciagura sono stati messi a disposizione dell'autorità giudiziaria, per l'autopsia. Intanto le autorità venezuelane mantengono il più stretto riserbo sul ritrovamento.

Ancora "nessun commento" da parte della famiglia Missoni alla notizia dell'avvio delle operazioni di recupero a Los Roques dei corpi coinvolti nel disastro aereo in cui hanno perso la vita Vittorio Missoni, Maurizia Castiglioni, due amici della coppia e il pilota Germa'n Marchant. La notizia  "è stata appresa nella notte" e si "stanno facendo ancora accertamenti", è dunque ancora "troppo presto" per un commento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Aprile2016

    17 Ottobre 2013 - 15:03

    ***Diciamo che "forse" il primo pilota se l'è data a gambe. "scendo un attimo"....e si è lanciato col paracadute in mare dove sotto qualcuno col motoscafo lo aspettava e di conseguenza, dichiarato disperso, intascare i soldini della polizza assicurativa sulla sua morte. A pensar male a volte ci si azzecca. Vedremo.*

    Report

    Rispondi

blog