Cerca

La trappola

Gadget spie in dono ai leader
Così Putin spiava l'Europa

All'ultimo G20 di San Pietoburgo vennero regalate pennette Usb che erano due "trojan horse", ovvero strumenti per captare dati dal computer e il cellulare

Putin al G20 di San Pietroburgo

Putin al G20 di San Pietroburgo

Al G20 di San Pietroburgo nel settembre scorso i padroni di casa russi regalarono gadget spia ai partecipanti al summit. Lo scrivono oggi Corriere della Sera e Stampa. Ad insospettirsi per primo fu il presidente del Consiglio Europeo, Herman van Rompuy, che al suo rientro a Bruxelles consegnò la chiavetta e il cavo Usb ricevuti in dono ai funzionari della sicurezza, i quali chiesero una consulenza ai servizi tedeschi. Ad una prima analisi i due gadget si sono rivelati due "trojan horse", ovvero strumenti per captare dati dal computer e il cellulare. L'indagine è ancora in corso e non e' chiaro se tutti i partecipanti al summit del 5-6 settembre abbiano ricevuto gadget modificati. La vicenda ha messo in allarme diversi servizi d'intelligence nel pieno dello scandalo dello spionaggio dell'Nsa, la National Security agency americana che avrebbe messo sotto sorveglianza 35 leader mondiali, compreso il cellulare della cancelliera tedesca Angela Merkel. Proprio in Russia ha trovato asilo Edward Snowden, la talpa dell'Nsa che sta rivelando i dettagli del piano di sorveglianza alla stampa internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    30 Ottobre 2013 - 17:05

    e ognuno di loro pensa in cuor suo " sorridete, sorridete,io so tutto di voi.

    Report

    Rispondi

  • AlexFG

    29 Ottobre 2013 - 17:05

    Non vi preoccupate, ci spiano solo per farsi quattro risate sui nostri politici.

    Report

    Rispondi

  • antari

    29 Ottobre 2013 - 13:01

    criminale amico di criminali!

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    29 Ottobre 2013 - 09:09

    Abbiamo da poche ore assistito alle "Lamentazioni Merkeliane" , poichè la stessa asserisce di essere stata spiata dagli U.S.A, ed ecco, un altrettanto grave caso di spionaggio. Chissà se adesso la nostra teutonica cancelliera, prenderà analoghe risoluzioni nei confronti della Russia,patria adottiva di Edward Snowden, e sicuramente depositaria dei suoi "segreti". Oppure sarà più morbida, visto che ormai la Germania, come altri paesi,Italia compresa,dipende energeticamente dal colosso Russo,che fornisce tutto il gas indispensabile all'energia nazionale, soprattutto dopo la decisione di eliminare le centrali nucleari.

    Report

    Rispondi

blog