Cerca

Aitzaz Hassan, morto a 14 anni per salvare la sua scuola da un kamikaze

Ha lottato strenuamente contro l'attentatore. Il suo sacrificio è valso la vita di 2mila studenti. Il padre dice: "È un martire"

Aitzaz Hassan, morto a 14 anni per salvare la sua scuola da un kamikaze
Muore per salvare la sua scuola da un attentato kamikaze. Aitzaz Hassan, un ragazzino pachistano di 14 anni, sarà ricordato per sempre come un eroe. Lunedì mattina un militare l'ha fermato per chiedergli delle indicazioni stradali. Lui, insospettito da quella richiesta, ha continuato a osservarlo fino a notare l'ordigno che nascondeva sotto l'uniforme. A quel punto, non ha avuto di dubbi. La vita dei suoi compagni era in pericolo e il destino gli aveva riservato il compito di difenderli. Ha provato a colpirlo con un sasso, l'ha inseguito e ha provato a strattonarlo. Poi, l'ultimo e disperato tentativo per fermarlo: gli si è scarventato addosso ma nell'urto ha finito per azionare la bomba. Così, il suo corpo ha fatto da scudo e ha attutito la deflagrazione.

A raccontare la storia di di Aitzaz a un'emittente televisiva locale è stato il cugino, che si trovava con lui al momento dell'accaduto e ha provato a fermarlo. "È un martire", ha detto suo padre pieno d'orgoglio: "Ha fatto piangere di disperazione sua madre ma ha evitato ad altre decine di madri di piangere i loro figli". Dopo il caso di Malala Yousafzai, la ragazzina miracolosamente sopravvissuta a un attentato nell'ottobre 2012 che continua a lottare per il diritto all'istruzione, il Pachistan ha un nuovo bambino erore. Ora, igiornalisti e politici del distretto dove risiedeva hanno chiesto che gli sia riconosciuto il Nishan-i-Haider, massimo riconoscimento al valore previsto dall’esercito pachistano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog