Cerca

Selvaggia Lucarelli

Banderas, il sex symbol ucciso da un frollino

Da sensuale Zorro a mugnaio sfigato: il Mulino bianco ha tradito le massaie

Selvaggia Lucarelli

Banderas ammainata, il divo ucciso da un frollino

 

Per natura, tendo ad assolvere qualsiasi reato commesso per vili ragioni di marketing. Qualsiasi, tranne uno, e cioè: l’omicidio dell’immaginario erotico femminile col fucile a pallettoni. Per questo, esigo che il tribunale dell’Aja processi al più presto i fratelli Barilla e l’agenzia pubblicitaria che ha partorito i nuovi spot Mulino Bianco con Antonio Banderas nelle credibilissime vesti del mugnaio. Avessi visto Jessica Alba testimonial di Anitra Wc  o anche Lady Gaga canticchiare il jingle “Giorno e notte notte e giornooo” o perfino Clint Eastwood con l’Amplifon, avrei taciuto, ma qui s’è superato il confine dell’inaccettabile. Lui, il bandito  maledetto di Desperado che  cantava con voce sensuale “Me gusta el tequila blanco con su sal de la sabor” ha abbandonato il tequila blanco per il Mulino Bianco. La camicia lisa aperta sul petto, per il dolcevita kaki da mugnaio sfigato. Che voglio dire, Brosio dal Twiga a Medjugorje è un passaggio meno traumatico. E io, ai fratelli Barilla, un oltraggio simile non lo perdonerò mai, si sappia. Perchè se il loro ragionamento e quello dei creativi  era «i biscotti li comprano le donne e le donne Banderas lo intingerebbero nel latte come una Macina», devono aver partorito la campagna dopo che gli era caduta una tegola in testa. Anzi, un tegolino. 

Voi, signori miei, non avete la più pallida idea di cosa sia l’immaginario femminile e di quanto poco ci voglia a sgretolarlo come un  “Pan di stelle” schiacciato sul fondo del pacco famiglia. Per noi donne, Banderas era lo Zorro sexy  che tagliuzzava l’abito a Caterine Zeta Jones durante l’erotico duello che la lasciava in mutande, altro che mugnaio. Ergo, a sfornare biscotti potevate metterci Beppe Bigazzi e lasciarci quell’inarrivabile sogno erotico bello intonso. E invece, eccolo lì, Antonio nostro, negli spot incriminati. Spot che riescono a concentrare in 20 secondi netti 40 anni di comunicazione “Barilla style” gocciolante retorica, tra gattini cimurrosi sotto la  pioggia, trattori più lucidi del Ferrari di Pato e allegre colazioni senza occhi cisposi. Gli spot dei biscotti, dramma nel dramma, sono al momento ben quattro. Per oscure ragioni,  Banderas non viene doppiato, quindi la voce è la sua originale.  E questo è il primo shock. In quello dei mitici Tarallucci, c’è un Banderas con un’aria vagamente rincitrullita, che dentro a un mulino i cui interni potrebbero sembrare casa Shrek, mostra una teglia di biscotti esclamando un raccapricciante: «Ancora più buoni da INSUPARE». Ora, voi capite bene che in un altro contesto e con le consonanti giuste, la parola “INZUPPARE” in bocca a Banderas m’avrebbe convinto a comprare non un pacco di biscotti, ma pure il Mulino con un mutuo trentennale, mentre qui l’ormone troverebbe più ispirazione nella voce di Gad Lerner che in quella di Banderas. Poi c’è la versione “Fiori di latte”. Qui il bell’Antonio è sul tetto del Mulino con la gallina vecchia (non è sua moglie Melanie Griffith ma il pennuto Rosita) e dichiara raggiante: «Ho avuto un’idea rivoluzionaria!». La spettatrice pensa: «Sì, quella di sputtanarti la carriera» e invece l’idea sono i biscotti cotti al vapore. Con i “Flauti” si tocca l’apice. Banderas, sempre con la faccia di quello che sta pensando «Speriamo che Almodovar non metta piede in Italia fino al 2018 che se mi vede in uno di ‘sti spot nel prossimo film mi fa fare trucco e parrucco», esclama un agghiacciante: «Crescere bene in natura è SEMPLISCE SEMPLISCE!» in modalità pariolina romana, per cui viene pure il dubbio che qui l’abbia doppiato Barbara Palombelli. Poi si lecca il dito sporco di cioccolato sperando di ringalluzzire la sora Maria a casa, ma a quel punto gli ormoni della casalinga media sono stati ampiamente frullati dalle pale del Mulino. 

Infine, c’è la pubblicità dei cornetti, in cui Banderas inzuppa un cornetto nella cioccolata dichiarando convinto: «Tanto non mi vede nessuno!». Eh no, Anto’, purtroppo vestito da mugnaio nella casa di Shrek doppiato dalla Palombelli  t’abbiamo visto in sei milioni circa, Svizzera esclusa. 

Ci sarebbero poi da aggiungere un paio di considerazioni. Dopo decenni di slogan quali «Dove c’è Barilla c’è casa» o «Il piacere di mangiare sano» certo io non mi aspettavo che Barilla scegliesse la strada del rinnovamento optando per “Fuck your breakfast” o “Sex, drug &Pangoccioli”, però il nuovo leit motiv “Un mondo buono” è una roba che faticherebbe  perfino a pronunciare una Miss Italia appena eletta. Anche perchè se lo scopo è quello di evocare i famosi buoni sentimenti-Mulino Bianco, io ogni volta che sento “Un mondo buono” ho voglia di prendere a mazzate il mio vicino di casa a colpi di Nastrine, quindi temo che non passi il messaggio giusto. Infine,  a livello di immaginario, non è solo la sfera erotica ad uscire ammaccata da questi spot, ma anche quella familiare. Il modello “famiglia Mulino Bianco” sarà infatti per le nuove generazioni quella di Banderas. Dal papà che piagnucola nel trovare il fusillo in tasca durante un viaggio di lavoro, al papà mugnaio sposato in seconde nozze con un’attrice sposata quattro volte con tre figli da tre uomini diversi con più ricoveri in centri di disintossicazione che film in curriculum, ma in fondo, è un modo come un altro per dire che la famiglia del Mulino bianco è un concetto vetusto. Nel frattempo, noi donne guardiamo Antonio con una certezza: lo rivedremo presto con la maschera di Zorro. Per non farsi riconoscere dopo ‘sti spot, ovviamente.

di Selvaggia Lucarelli

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elenabastet

    27 Gennaio 2014 - 21:09

    Premettendo che lo spot in questione è patetico, ma Banderas era patetico anche prima di fare sta menata. Sarà che sono lesbica, ma a me tutti sti uomini dietro cui le donne etero sbavano fanno venire il latte ai gomiti. Banderas recita come un cane ed è sensuale come il mio vecchio Nokia, ecco la verità. Piuttosto, come mai il suo collega Javier Bardem fa teatro e cinema invece che spot idioti? Forse perché è un vero attore a differenza sua. Detto questo, propongo l'abolizione di quello spot osceno, non se ne può più di vedere quella faccia da fondoschiena.

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    15 Maggio 2012 - 22:10

    vogliamo nemmeno essere accostati alla demenza che la seppur "bella" ma scadente Selvaggia deve fare la gavetta forse altrove...e soprattutto passare per il gioco della libera critica...che nel suo caso ( e ancor meno della Litizzetto solo perche' fa le moine filo-comuniste ) vuol dire "smammare" .... e lasciar spazio ad intelligenza. Vedi una "bella" come la Lucarelli potra' anche diventare "brava" ma una "brutta" come la Litizzetto ( a me non fa per niente ridere ) non potra' mai diventare bella...ma forzare la "bella" giu' per il gargarozzo con idiozie da cerebrolesi e' deprimente per i lettori. Lasciamo le Minetti, le Bindi e le Ciccioline al loro posto...

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    15 Maggio 2012 - 22:10

    cosi' la "grande firma" Lucarelli di Libero potra' essere giornalista e unica lettrice allo stesso tempo di queste notizie o fesserie da carta igienica. Il livello si sta abbassando ovunque per cui....buona fortuna a voi e alle vostre idiozie...

    Report

    Rispondi

  • Marcoenrico

    15 Maggio 2012 - 15:03

    Non vi piace come scrive Selvaggia, non vi piacciono le idee di Selvaggia, non vi piace la vena ironica di Selvaggia, non vi piacciono i commenti all'articolo, vi lamentate che si perda tempo a leggere e commentare l'articolo. Scusate, ma voi cosa avete fatto: l'avete letto e commentato. Non vi piace? Sciò, da un altra parte... via... o forse, invece che degli inutili criticoni siete dei rosiconi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog