Cerca

Tasse e disperazione

Perché è giusto parlare dei morti per crisi

C’è chi invita a smorzare «per non favorire l’emulazione». Ma il silenzio tradisce le vittime

Perché è giusto parlare dei morti per crisi

È giusto, è pericoloso, è corretto, raccontare su giornali e tv alle storie dei «suicidi economici»? È responsabile dar conto dei numerosi episodi di contestazione ed esasperazione, talvolta inaccettabilmente violenta, contro sedi e dipendenti di Equitalia? Da giorni su questi due fenomeni di cronaca è in corso un dibattito su legittimità e le modalità di trattamento e «confezionamento» delle notizie. Sulla Stampa, il direttore Mario Calabresi ha messo in guardia dal «pericolo di stimolare un effetto emulazione» che può derivare, per stare al suo esempio, da una modalità aggressiva ed esasperata di presentare una serie di suicidi senza inquadrare il «trend» in un contesto statistico che ne restituisca al lettore una rappresentazione meno distorta e strumentale. L’auspicio è sacrosanto, anche se neppure la statistica ha l’ultima parola: è vero che in Italia ci sono sempre stati suicidi dettati da fallimenti personali, crolli improvvisi della propria azienda, errori economici che paiono irrimediabili, colpi di sfortuna. Ma è pure vero che imprenditori che si ammazzano per contenziosi col fisco o che fanno del loro gesto un grido pubblico, testimoniano una deriva inedita che sfugge alla statistica. È giusto accostare una riflessione sulle crude dimensioni del fenomeno, onde precisare l’impatto emotivo? Sì, come è stato giusto farlo rispetto a grandi paure come l’aviaria: se ne può perfino fare un genere «controgiornalistico» di indubbio effetto e di consolante virtù civica.

Ma la sensazione è che l’appello alla «responsabilizzazione» a non «pompare» troppo certe storie per non turbare il popolo bue finisca più o meno volontariamente per produrre un effetto-sordina anche politico, con la conseguenza di tacere anche del problema (l’insostenibilità fiscale) che di certi drammi è quantomeno concausa. Più sottile è l’argomento su cui poggia la tesi «contestualizzante»: quello, in fondo, per cui esisterebbe una narrazione «neutra» che, applicando logica e statistica, rifletta un pezzo di mondo in maniera asettica e inappuntabile. Purtroppo o per fortuna, mettersi d’accordo su simili criteri è operazione ardita. E ogni articolo, anche il più corretto e completo, è selezione e manipolazione. Meglio raccontare, forse, sapendo di essere condannati a qualche forma di «forzatura»: con questo spirito Libero ha voluto raccogliere le storie dei suicidi, spesso derubricate a brevi di cronaca. E continuerà a farlo: se in passato si è taciuto, fu allora l’errore. Non è spettacolarizzazione, così come non lo è dare conto degli (inaccettabili) assalti a Equitalia: anche perché l’invito a non sovraesporre le proteste arriva da chi fa i blitz  a Cortina e al carnevale di Venezia vantandosi dei risultati in comunicati ironici.

di Martino Cervo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    14 Maggio 2012 - 14:02

    In Italia, il numero dei suicidi è (per fortuna) fra i più bassi d’Europa; si attesta intorno ai tremila all’anno. Sono sempre avvenuti anche suicidi per motivi economici. Purtroppo, da alcuni anni, causa la crisi, sono notevolmente aumentati. Nel 2007 furono 118, per passare a 150 nel 2008, a 198 nel 2009 e calare leggermente a 187 nel 2010. Nel 2012, tendenzialmente, sono in leggera diminuzione. Lei viene a raccontarci che gli anni scorsi avete sbagliato a non parlarne? Martino Cervo, non ci prenda per i fondelli, gli anni scorsi eravate obbligati a non parlarne e quest’anno siete obbligati a parlarne, siete obbligati ad aizzare il vostro vulnerabile pubblico contro il governo, a fomentare la disobbedienza fiscale e la rivolta violenta contro le istituzioni. Voi, naturalmente non vi preoccupate delle disastrose conseguenze che potrebbero verificarsi e, come sempre, ubbidite al vostro padrone.

    Report

    Rispondi

  • soleados

    14 Maggio 2012 - 14:02

    Controvento...concordo ed aggiungo: fate la protesta in parlamento!Sono loro che hanno emanato queste leggi che ora usa Equitalia.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    14 Maggio 2012 - 13:01

    firmato Prodi Romano

    Report

    Rispondi

  • soleados

    14 Maggio 2012 - 13:01

    Controvento...concordo ed aggiungo: fate la protesta in parlamento!Sono loro che hanno emanato queste leggi che ora usa Equitalia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog