Cerca

Paura continua

La terra tremerà per anni
Scopri se vivi in zone a rischio

La previsione dell'Istituto di Geofisica: in Pianura Padana ci saranno altre scosse, anche violente

La terra tremerà per anni
Scopri se vivi in zone a rischio

 

La prima, terribile, certezza, è che il pericolo non è passato. Anzi, il rischio rimane «alto» e la terra continuerà a tremare. Per mesi o forse anche anni, perché «siamo di fronte a una sequenza sismica lunga, che può durare nel tempo con sequenze di magnitudo confrontabili alla scossa principale». All’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia non nascondono la tragica verità. Il presidente Stefano Gresta e la sua squadra di esperti sismologi, tra mappe e grafici del “mostro”, dicono chiaro che le scosse non sono finite e non finiranno in tempi brevi. In Emilia, ma non solo, la gente deve sapere che l’incubo è ancora in agguato. E che il pericolo si senta è confermato dai 16mila questionari arrivati in un solo giorno al servizio www.haisentitoilterremoto.it, la piattaforma messa in campo dall’Ingv. «È lo stesso meccanismo sismico del 20 maggio», ha spiegato Gresta, «il processo cinematico è unico, non ci sono state attivazioni di faglie discordi». E come nella maggioranza dei terremoti, si tratta di scosse di magnitudo decrescente, ma «con momenti di recrudescenza». Dunque, a distanza di una settimana la replica devastante è figlia della prima scossa, mentre ad esempio lo sciame sismico segnalato di recente al confine tra Calabria e Basilicata non c’entra: «Tutto un altro fenomeno meno violento», taglia corto una ricercatrice. Non si escludono piccole scosse altrove, ma niente a che vedere con la furia che ha colpito la provincia di Modena e quella di Ferrara. Lì, adesso, il terrore è che si apra una nuova faglia, ma la seconda certezza che gli scienziati hanno in questo momento è che non vi è alcuna certezza. «Non è possibile stabilire l’esatta evoluzione nel tempo. Vanno analizzati i dati e ci metteremo qualche anno», spiegano all’Istituto, ente di ricerca con 570 dipendenti di ruolo e 270 precari che aspettano di essere regolarizzati. «I dati che abbiamo non autorizzano a pensare che si sia attivata la seconda faglia». All’Ingv tenderebbe a escludere tale evenienza. 

Di sicuro si sa che la sequenza sismica della pianura padana emiliana sta interessando un’area che si estende per oltre 50 chilometri parallelamente al fronte della catena appenninica e al fiume Po. La zona coinvolta coincide con una struttura geologica sepolta sotto la pianura padana. «Gli ultimi terremoti hanno mostrato che il fronte attivo si muove in maniera coerente raccorciando la zona in senso nord-sud, lungo faglie orientate in direzione est-ovest». L’attività sismica si è intensificata martedì mattina alle 9 con il forte terremoto di magnitudo (Richter) 5.8, seguito da numerose repliche di magnitudo superiore a 4. La parte interessata ha colpito il settore più occidentale del fronte già attivo, estendendolo per altri 10 chilometri verso ovest. La complessità geologica del fronte attivo, sepolto sotto pianura, ha determinato la frammentazione della struttura e l’occorrenza di 6 terremoti di magnitudo maggiore di 5 e molti più piccoli. Questa “frammentazione” ha evitato la rottura simultanea dell’intera struttura, che avrebbe potuto causare un evento sismico ancora più forte. Questa caratteristica è stata osservata in precedenti sequenze anche antiche, tra cui il terremoto di Ferrara del 1570, seguito da repliche per 9 mesi. Le immagini mostrate evidenziano poi estesi fenomeni di liquefazione e i vulcani di fango: segni lasciati dal sisma dovuti alla presenza, nel sottosuolo padano, di livelli sabbiosi saturi di acqua.

di Brunella Bolloli 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Beppe.demilio

    01 Giugno 2012 - 06:06

    Che la terra trema o che i fiumi esondano sono cose risapute da molti anni. Gli scienziati,quelli seri,ci hanno avvisato da decenni che le cose sarebbero cambiate e che l'Italia doveva pensare ad adeguarsi con interventi sul territorio da garantarci più sicurezza e tranquillità.Purtroppo tutti gli inviti non sono mai stati presi seriamente in considerazione e i risultati ,sono quelli a cui assistiamo. Anzichè privarci di altro verde per costruire nuovi edifici,si doveva demolire quelli a rischio che,pare,siano quelli costruiti tra gli anni 45/70 e ricostruire edifici antisismici. Per i fiumi alzare e rinforzare gli argini e costruire nuove dighe sia per avere scorte di acqua che per avere energia elettrica invece, non si è fatto nulla! Tanti convegni per mangiarsi tanti soldi! In Italia se avessimo provveduto per tempo avremmo risparmiato vite umane e molti miliardi dando molto lavoro a tanta gente.Invece si fanno le cose al contrario niente prevenzione e tanti furti legalizzati!

    Report

    Rispondi

  • Maculani

    31 Maggio 2012 - 16:04

    Fare certe dichiarazioni è veramente sparare nel nulla, tipico vizio di "tecnici" poco tecnici. I Giapponesi, che sono all'avanguardia su questa dinamica della natura, hanno gettato la spugna da diverso tempo, definendo i terremoti dinamiche della terra assolutamente imprevedibili e non calcolabili. Arriviamo noi Italiani e diamo cifre e tempi su questo evento. Comunque qualcuno, anche in questa vicenda si dovrà assumere, soprattutto sotto il profilo sociale, delle dichiarazioni che farà. Non dimentichiamoci che il rischio è quello di dare un colpo di grazia ad una economia già in ginocchio. Che i tecnici riflettano, se ne sono capaci.

    Report

    Rispondi

  • Mihel

    31 Maggio 2012 - 16:04

    Non virtuali. I diversi soggetti privati (progettista, direttore, collaudatore, impresa, ecc) e pubblici (comuni, regioni e province) coinvolti a vario titolo nell'edilizia devono essere controllati concretamente ... Si deve rompere il circuito di corruzione. Viceversa, sono inutili altre iniziative. Tutti gli edifici pubblici sono stati analizzati negli anni 90 da team di giovani specialisti: i giovani hanno preteso assunzioni automatiche nella P.A. dove non fanno più nulla; gli studi sono stati sotterrati ed i fabbricati non hanno beneficiato in alcun modo (la scuola di San Giuliano di Puglia era stata dichiarata altamente a rischio ma nessuno ha mosso un dito, anzi è stata sopraelevata, ...) +L'Italia è tutta sismica ed il resto è chiacchiericcio! +Le porcate dei condoni hanno lascito il posto alle merdate dei Piani casa: in Calabria dove è atteso (statisticamente) un sisma che Dio ci liberi la Regione ha approvato, proprio il giorno del terremoto in Emilia (!), il Piano Casa Quater

    Report

    Rispondi

  • labirinth

    31 Maggio 2012 - 16:04

    sino ache lo decideranno aziende costruttrici, assicuratrici, televisive, ristoratrici etc.. et6c... etc.... Salute!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog