Cerca

Lo scandalo

Sallusti Libero, appello a Napolitano: scrivete una mail a Libero

Il presidente della Repubblica deve intervenire per evitare il carcere al direttore del Giornale. Date la vostra adesione inviando una mail a sallustilibero@liberoquotidiano.it

Sallusti Libero, appello a Napolitano: scrivete una mail a Libero
Alessandro Sallusti libero: è l'appello che lancia Libero al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano affinchè cancelli con un proprio intervento la vergogna del carcere per il direttore del Giornale, condannato per diffamazione a 14 mesi. Proprio oggi, sabato 1 dicembre, si è arrivati all'atto più duro: il blitz nella sede del quotidiano, in via Negri a Milano, per portare Sallusti ai domiciliari. Domiciliari cui il direttore non vuole sottostare: "Portatemi in carcere oppure evaderò per tornare in redazione", aveva spiegato. Detto, fatto. E così, oltre alla condanan per diffamazione, ora Sallusti rischia fino a 3 anni di carcere per evasione. Mezza Italia gioisce, in silenzio, così come molti colleghi giornalisti non hanno scritto una riga per ricordare la gravità simbolica di un arresto in redazione. Ora potete farlo voi, scrivendo una mail a Libero con la vostra adesione all'appello al presidente Napolitano del direttore Maurizio Belpietro. Pubblicheremo i vostri nomi e cognomi sul quotidiano.


"Sallusti Libero", appello a Napolitano:
scrivete una mail con nome e cognome

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tristano.libero

    08 Dicembre 2012 - 12:12

    Arridaije ! Ma voi che continuate a sostenere il camerata, pregiudicato, evasore berlusconi e tutti i suoi servitori, non avete ancora capito (o fate finta di non capire) che NON C'ENTRA NIENTE L'OPINIONE DI SALLUSTI ? Il tuo idolo è stato condannato in via definitiva NON per un reato di opinione, o perché ha espresso le proprie idee, ma per il reato di DIFFAMAZIONE AGGRAVATA ! Schettino è in libertà condizionata PERCHE' NON E' STATO ANCORA PROCESSATO né condannato e voi "garantisti" un tanto al chilo mi insegnate che è innocente fino al 3° grado di giudizio (o questo principio vale solo per in duce berlusconi e i suoi camerati?). E in ogni caso non mi risulta che il tuo idolo sia (o andrà) in prigione: è bellamente accomodato tra le braccia della sua compagna in una "prigione" dorata e questo succede solo qui nell'Italia pre e post berlusconiana. P.S. Se sei a corto di argomenti e non riesci a controbattere la mia tesi, per favore taci e non venirtene fuori che sono comunista !

    Report

    Rispondi

  • sirjoe

    07 Dicembre 2012 - 15:03

    non è possibile tenerlo al fresco più a lungo possibile?

    Report

    Rispondi

  • Pallomane

    07 Dicembre 2012 - 14:02

    C'è anche un appello per tenerlo al gabbio de più?

    Report

    Rispondi

  • meliodora

    06 Dicembre 2012 - 16:04

    Scusa ma metteresti in prigione o ai domiciliari uno che ha pubblicato un'opinione mentre non ti scandalizzi dei veri criminali lasciati in libertà? Lo hanno messo alla pari di uno che ha ammazzato 32 persone (Schettino). Se iniziamo a rinchiudere le persone perchè esprimono le loro idee tanto vale fare come nei Paesi pieni di fanatici religiosi e/o sottomessi dalla pura dittatura come a Cuba. Vorrei un'Italia dove quello che disse Voltaire: «Non sono d'accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu possa dirlo» fosse LEGGE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog