Cerca

Milano, Calabria

Politici, dirigenti, interi quartieri: così la 'ndrangheta s'è presa il Nord

Esponenti di partito comprati, aree urbane elettoralmente indirizzabili, colletti bianchi: la "capitale morale" è solo un ricordo

Politici, dirigenti, interi quartieri: così la 'ndrangheta s'è presa il Nord

di Andrea Scaglia

L’assessore definito con disprezzo «pisciaturu» che frigna davanti al mafioso. La cosca calabrese e il clan camorristico che s’affrontano e poi s’accordano sul commerciante da “proteggere”. Condomìni e quartieri elettoralmente indirizzabili a piacimento. Ecco a voi la Milano 2012, purulenta di crimine e malaffare. E par quasi di vederla riflessa sul duomo, questa figura d’esponente «moderno» della ’ndrangheta - così lo definisce il magistrato. Eugenio Costantino, personaggio centrale dell’inchiesta che ha portato all’arresto dell’assessore regionale lombardo Domenico “Mimmo” Zambetti.  Cosentino di anni 51,  Costantino è «commerciante molto inserito nell’hinterland nord di Milano». Gestore di fatto di quattro botteghe “Compro oro”, quelle che negli ultimi anni si sono moltiplicate fra chiacchiere e sospetti, da lui intestate a moglie e amante e prestanome. Uno che «non si sporca, sempre ben vestito e dotato di una certa cultura, capace di relazionarsi». L’emblema del colletto bianco che, nonostante la sua non sia famiglia mafiosa, «ha deciso di stringere per convenienza rapporti organici con la ‘ndrangheta lombarda». Uno squalo che segnala ai clan gli imprenditori in difficoltà da spremere in cambio di «protezione», e anche i politici da arruolare. Agisce come «rappresentante» e «portavoce» delle cosche. Blandisce, tesse e, senza fretta, monetizza. È  lui che fa visite regolari a Zambetti, stempera le ire del boss, incassa i soldi dovuti in cambio di quei 4mila voti risultati decisivi per l’elezione.  Ed è davanti a Costantino che lo sciagurato assessore scoppia in un pianto disperato e patetico, col primo poi a commentare con il compare che «lui, sai quante persone ha fatto piangere? Solo così, non c’è altra alternativa per farli piangere. Ecco perché sarò sempre dalla parte della delinquenza».


Leggi l'articolo integrale di Andrea Scaglia
su Libero in edicola oggi, venerdì 12 ottobre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • feltroni ve le suona ancora

    12 Ottobre 2012 - 18:06

    Ma che vuoi? Vai a nanna capra, E poi nei commenti ci vogliono le virgole, altrimenti non si capisce bene chi è il coglione...

    Report

    Rispondi

  • Bebibros

    12 Ottobre 2012 - 17:05

    E ve ne accorgete solo adesso!!! Dopo decenni di riciclaggio e di malaffare che ha fatto arricchire tutto il Nord???

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    12 Ottobre 2012 - 16:04

    Prima di dire agli altri di studiarsi la storia incomici a farlo lei. per il resto non commento la sua ignoranza non permette che l'insulto e oggi non mi va di dare del COGLIONE a nessuno!!!

    Report

    Rispondi

  • nevenko

    12 Ottobre 2012 - 16:04

    c'è al nord da oltre 25anni.Se ne sono accorti solo ora i nostri magistrati?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog