Cerca

Il dibattito

Sicilia indipendente, pro o contro: via dall'Italia sì o no?

Il Movimento 5 Stelle ha riacceso la miccia. Confronto su Libero: per Giacalone è "una grillata", per Mion "un diritto dei siciliani"

"I siciliani sanno che senza i soldi di Roma non si salveranno". "Imitiamo gli inglesi con la Scozia: l'isola voti la sua autonomia"
Sicilia indipendente, pro o contro: via dall'Italia sì o no?

La Sicilia indipendente? L'idea secessione è antica, ma sull'isola ha attecchito nuovamente sulla scia della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle in vista delle imminenti elezioni regionali. Arrivato a nuoto attraverso lo stretto di Messina, Beppe Grillo ha aizzato i suoi possibili elettori, delusi dalla malagestione degli scorsi anni (un arcobaleno di colori visto che coinvolge a vari livelli un po' tutti i partiti e i gruppi consiliari dell'Ars). E dunque, indipendenza sì o indipendenza no?. Ne discutono su Libero di oggi, mercoledì 17 ottobre, Davide Giacalone e Matteo Mion. Secondo il primo la secessione è "solo una grillata". Il comico fatto politico solletica l'orgoglio locale solo per fare il pieno in piazza e nell'urna, ma anche lui sa che senza l'Italia (e i soldi di Roma e del Nord) l'isola affonderebbe. Favorevole, invece, un veneto Doc come Mion. Come Londra ha da pochi giorni concesso agli scozzesi la libertà di votare sulla propria autonomia, anche in Italia dovremmo dare ai siciliani il diritto di decidere del loro futuro. 

 

Leggi gli articoli di Davide Giacalone e Matteo Mion
su Libero in edicola oggi, mercoledì 17 ottobre 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • prova2

    21 Agosto 2015 - 16:04

    La Sicilia deve avere l'indipendenza e smetterla di dare a Roma 10 miliardi all'anno netti (entrate-spese). Ogni anno è truffata dallo stato italiano di quella somma contro lo statuto che è parte della costituzione italiana

    Report

    Rispondi

  • philosicil

    31 Gennaio 2013 - 21:09

    “Castellammare del Golfo, 3 gennaio 1862, Romano Angelina, di anni 9, fucilata, accusata di Brigantaggio”. Archivio Storico Militare Italiano

    Report

    Rispondi

  • philosicil

    31 Gennaio 2013 - 21:09

    “Desidero sapere in base a quale principio discutiamo sulle condizioni della Polonia e non ci è permesso discutere su quelle del meridione italiano. E’ vero che in un paese gli insorti sono chiamati briganti e nell’altro patrioti, ma non ho appreso in questo dibattito alcun’altra differenza tra i due movimenti – BENJAMIN DISRAELI – ”

    Report

    Rispondi

  • philosicil

    31 Gennaio 2013 - 21:09

    “La guerra contro il brigantaggio, insorto contro lo Stato unitario, costò più morti di tutti quelli del Risorgimento. Abbiamo sempre vissuto si dei falsi: il falso del Risorgimento che assomiglia ben poco a quello che ci fanno studiare a scuola – INDRO MONTANELLI – ”

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog