Cerca

La strage

Lecco, madre uccide le sue tre bambine e tenta il suicidio

Lecco, madre uccide le sue tre bambine e tenta il suicidio

Strage a Lecco. Una donna 37enne di origini albanesi, Edlira Dobrushi, ha ucciso a coltellate le sue tre figlie a Lecco, rione Chiuso, poi ha tentato il suicidio. La tragedia è avvenuta tra le mura di casa, in corso Bergamo, alla periferia di Lecco. Le bambine si chiamavano Simona (13 anni), Keisi (10) e Sidnei (4). La donna era stata lasciata dal marito e viveva con le piccole ospitata dal fratello e in condizioni di indigenza, tanto che la famiglia era assistita dalla Caritas locale. La donna dopo il tentativo di suicidio è ricoverata in ospedale: le sue condizioni, in un primo momento parse gravissime, non la metterebbero invece a rischio. Ancora sotto choc, ha avuto la forza di confessare: "Sono stata io, ero disperata". Eppure solo qualche giorno fa la donna scriveva su Facebook: "le figlie sono la mia forza"

L'aggressione - Secondo le prime ricostruzioni, la madre avrebbe ucciso a coltellate le due figlie più piccole. La 13enne avrebbe invece capito quello che stava accadendo e avrebbe preso a sua volta un coltello per difendersi, invano. Sporca di sangue e urlante, dopo aver cercato di uccidersi, la 37enne è uscita di casa attirando l'attenzione dei vicini sconvolti. Tutti, a cominciare dal parroco del rione Chiuso, hanno descritto la famiglia come "ben integrata", sia pure in difficoltà. A far scattare la tragedia potrebbe essere stata la disperazione della donna per la fine del matrimonio (il marito era partito da poco per tornare in Albania) e le incertezze economiche per il futuro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ellemanga

    10 Marzo 2014 - 08:08

    MOSTRO!!Al futuro delle figlie doveva pensare prima di metterle al mondo. Gente che fa figli senza pensare alle responsabilità' che questo comporta. Poi pretendono che siano altri a mantenerli. E se non hanno abbastanza sussidi, li uccidono. Altro che femminicidio. I mostri sono di tutti i generi: maschile, femminile e neutro. Guarda caso chi fa molti figli? Gli immigrati che vengono a scroccare.

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    10 Marzo 2014 - 01:01

    Chissà perchè la maggior parte riesce si ad uccidere ma non ad uccidersi!

    Report

    Rispondi

  • alby118

    09 Marzo 2014 - 14:02

    Non sei una donna e non sei mamma,sei solo una grandissima bastarda che meriterebbe la morte.Mi fai veramente schifo.Uccidi le tue bambine e poi non hai nemmeno il coraggio di toglierti la vita, Sei un verme che andrebbe schiacciato sotto i piedi ! E non mi si parli di povertà,di degrado,di situazione sociale difficile.Chi ammazza i figli in queste circostanze è solo un lurido /a schifoso/a.

    Report

    Rispondi

  • pier47

    09 Marzo 2014 - 13:01

    buongiorno, sarebbe giusto mettere nei titoloni anche l'origine dei coinvolti,E' da un pò di tempo(vedi Brianza)che succedono casi sconvolgenti e gli autori,guarda caso,sono albanesi ,Marsiglia(cognome non brianzoli),calabresi ecc.IO,ma non solo,non desidero essere accomunato a queste persone,quindi fate in modo che anche chi legge il titolo non abbia dubbi sulla provenienza. saluti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog