Cerca

Appalti, Curia & politica

Mose, l'ultima pista dei pm: Orsoni ha usato i soldi delle tangenti per battere Brunetta

Mose, l'ultima pista dei pm: Orsoni ha usato i soldi delle tangenti per battere Brunetta

Le tangenti del Mose servirono anche a far perdere Renato Brunetta. L'ultima pista proveniente dall'esplosiva inchiesta veneziana porta a fondi neri usati dal sindaco Giorgio Orsoni, centrosinistra, per "comprarsi" l'appoggio del voto cattolico. E' Repubblica a riannodare i fili che dal Consorzio Venezia Nuova arrivano a Orsoni su su fino al Patriarcato di Venezia, retto nel 2010 da monsignor Angelo Scola oggi arcivescovo di Milano. Alla vigilia delle amministrative 2010, il candidato del centrodestra Brunetta è nettamente favorito. Orsoni, candidato del Pd e del centrosinistra, lo sa e preme sui suoi contatti per avere al più presto i soldi provenienti dalle tangenti per "oliare" il meccanismo elettorale. Quei soldi sarebbero i 450mila euro che Giovanni Mazzacurati, presidente del Consorzio, ha confessato ai pm di aver consegnato a Orsoni, che invece nega. Ma a confermare la versione è stato anche Piergiorgio Baita, ex ad della Mantovani e pure lui coinvolto nel giro di appalti truccati del Mose. Inizialmente, i dirigenti che facevano parte dell'associazione tangentara sarebbero stati orientati a sostenere Brunetta, ma "quando abbiamo saputo - ha detto Baita ai pm - che il Patriarcato aveva fatto una scelta di campo, quella di sostenere Orsoni, abbiamo cambiato linea". Il sospetto degli inquirenti è che il cambio di linea della Curia sia stato alimentato da aiuti e sostegni economici fatti cadere a pioggia dal candidato Orsoni. 

I soldi alla Curia veneziana - Il sostegno del Consorzio Venezia Nuova, alla Curia, non sarebbe mai mancato. Un documento al vaglio degli inquirenti fa riferimento a pagamenti realizzati dal Consorzio Veneto Cooperativo (socio del CVN) fino all'11 ottobre 2011: una lista in cui venivano appuntate "consegne" a molti politici locali e pure alla Fondazione Marcianum per 100mila euro. Il Marcianum è un polo pedagogico fondato nel 2004 proprio da Scola, che comprende istituto di studi religiosi, liceo classico, facoltà (la San Pio X) e biblioteca. Tra i quattro soci fondatori, del Marcianum, ricorda Repubblica, c'è anche il Consorzio Venezia Nuova e presidente della Fondazione, non a caso, è proprio Mazzacurati. Nel 2004, tra l'altro, anche la Regione Veneto presieduta da Galan fece pervenire alla Curia 50 milioni di euro per varie opere di ristrutturazione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luigifassone

    10 Giugno 2014 - 13:01

    Terzo invio :Adesso,statene certi,finirà che anche la Curia,e,per collegamenti esterni vari ed eventuali,anche il Cardinale Scola,e,sempre per i citati collegamenti,la Curia Vaticana e il suo Capintesta...Boh! Mah! Mah! Boh!

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    10 Giugno 2014 - 11:11

    Ho letto altrove che anche Brunetta ha magnato: 50000 euro, evidentemente le tangenti si prendono in proporzione al peso

    Report

    Rispondi

    • luigifassone

      10 Giugno 2014 - 18:06

      Piuttosto FEROCE,cara sig.ra o sig.na Fausta73. Mi congratulo con lei,che batte D'Alema tre a zero...!

      Report

      Rispondi

  • Andreau

    10 Giugno 2014 - 11:11

    SEnza soldi non si vince caro PD !!!!!

    Report

    Rispondi

  • ivoz de rivora

    10 Giugno 2014 - 00:12

    i Maya!! già detto tutto!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog