Cerca

La batosta

Copia privata, aumenta la tassa sugli apparati tecnologici

Copia privata, aumenta la tassa sugli apparati tecnologici

Chiamatela pure "mini-stangata". Da oggi avere un cellulare o un tablet costerà di più. Firmato il decreto che aggiorna per il prossimo triennio il compenso per la riproduzione privata di fonogrammi e di videogrammi previsto dalla legge sul diritto d’autore. Lo annuncia il ministro Franceschini che assicura "si garantisce il diritto di autori e artisti alla giusta remunerazione senza gravare sui consumatori". In particolare l’adeguamento delle quote deciso nel decreto firmato dal ministro porta a 4 euro la quota per uno smartphone o per un tablet da 16 Gb (in Francia e Germania le quote per questi dispositivi sono molto più alte, dagli 8 ai 32 euro). Il ministro Franceschini e il presidente della Siae, Gino Paoli - precisa una nota diffusa dal ministero - hanno convenuto di impegnarsi, per la parte incrementale di gettito delle nuove tariffe, affinché tutte le categorie di titolari dei diritti di copia privata impieghino una quota di tali somme alla promozione di giovani autori e artisti e di opere prime. "Parlare di tassa sui telefonini - sottolinea Franceschini - è capzioso e strumentale: il decreto non introduce alcuna nuova tassa, ma si limita a rimodulare ed aggiornare le tariffe che i produttori di dispositivi tecnologici dovranno corrispondere (a titolo di indennizzo forfettario sui nuovi prodotti) agli autori e agli artisti per la concessione della riproduzione ad uso personale di opere musicali e audiovisive scaricate dal web. Un meccanismo esistente dal 2009 che doveva essere aggiornato per legge". Il decreto, prosegue il ministro, "non prevede alcun incremento automatico dei prezzi di vendita. Peraltro, com’è noto, in larga parte gli smartphone e tablet sono venduti a prezzo fisso". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cesare46

    23 Settembre 2014 - 11:11

    Sto scroto peloso quando gli conviene dice che in germania e in francia costa D+..quando non gli torna comodo non confronta nulla. A scroto ! ma non ti vergogni. ?

    Report

    Rispondi

  • gioman-salento

    23 Settembre 2014 - 11:11

    "Non è una nuova tassa bensì una rimodulazione delle tariffe"... Franceschini, che fai? Ci prendi pure per il culo? La cosa più grave è che questo nuovo balzello andrà ad ingrassare quell'inutile e dispendioso carrozzone che si chiama S.I.A.E.! E questo sarebbe il cambiamento voluto da Renzi???

    Report

    Rispondi

  • luciaandreozzi

    24 Giugno 2014 - 13:01

    Ma quale mini-stangata? Cioè, parliamo di 4€ su devices da 700 che saranno pagati dai produttori, non dai consumatori.

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      06 Luglio 2014 - 18:06

      Si ma per comprarla i soldi li tiro fuori io,non i costruttori.Signora Lucia non pensa che i prezzi per compensare la tassa,aumenteranno?

      Report

      Rispondi

  • plaunad

    22 Giugno 2014 - 10:10

    L' unica cosa ben fatta. Tanto servono solo a giuggioloni e squinziette per giocarci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog