Cerca

Alla guida

Nuovo codice della strada: ecco le nuove regole

Nuovo codice della strada: ecco le nuove regole

Rivoluzione su strada. Scooter e motocicli 125cc liberi di circolare su tangenziali ed autostrade, biciclette e motocicli che in futuro potranno muoversi sulle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici. E poi ancora il riconoscimento dello status di utenti vulnerabili anche per gli utilizzatori di ciclomotori e motocicli e l’introduzione di disposizioni per migliorare la sicurezza della circolazione di biciclette, ciclomotori e motoveicoli, anche limitando la presenza a bordo strada di ostacoli fissi artificiali, come i supporti della segnaletica stradale e i guardrail.

Le nuove norme - Il testo unificato della legge delega di riforma del codice della strada approvato in Commissione Trasporti della Camera sarà una vera e propria rivoluzione per chi usa auto e moto. Otto mesi di lavoro che hanno permesso alla stessa Commissione di definire i criteri direttivi che il Governo dovrà tradurre in norme cogenti. Il documento però potrà ancora essere modificato nel successivo passaggio al Senato, anche se già oggi contiene lo scheletro del futuro codice stradale.

Motocicli in autostrada - Una delle novità più importanti, che certo farà piacere ai centauri è la possibilità per scooter e motocicli 125cc di circolare su tangenziali ed autostrade, se i mezzi sono guidati da conducenti maggiorenni. Una storica richiesta dell’Ancma che precisa come "così l’Italia si allinei al resto d’Europa, dove questa limitazione non è mai esistita". Buone notizie anche per le biciclette: introdotto il principio che le corsie riservate ai mezzi pubblici potranno in futuro essere percorse anche da biciclette e motocicli. Cattive notizie, invece, per i ladri di biciclette: per favorire l’identificazione e il recupero di quelle rubate è prevista l’introduzione di un sistema di marchiatura volontaria del telaio. E novità sono previste anche in tema di strade. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • geniohw

    09 Aprile 2015 - 08:08

    Infatti vi è trattamento preferenziale verso i motociclisti. Il trattamento preferenziale nasce dal fatto che troppi agenti delle forze dell'ordine se la fanno con molte ragazzette e non vogliono più multarle. Si chiama puttanaggio governativo. Infatti poi si vergognano a fermare solo gli uomini perchè anche gli uomini che sono i loro ragazzi le lasciano probabilmente scopazzare.

    Report

    Rispondi

  • geniohw

    09 Aprile 2015 - 08:08

    Sono dei diavoli che fanno finta di essere degli onesti per fare multe a chi pare a loro.Sono fissati con la velocità e con l'alchool, custodiscono con cura solo i parcheggi in zone che sono di loro piacimento ed in altre zone se ne fregano totalmente. Dovrebbero rifare l'esame della patene anche loro perchè permettono parcheggi a fianco ai muri dove vogliono invece di mettere senso unico.

    Report

    Rispondi

  • acstar

    30 Luglio 2014 - 10:10

    Meno male : ogni tanto........pensano bene !

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    24 Luglio 2014 - 09:09

    Ma chi sono questi sveglioni che studiano le variazioni al codice della strada?ano. Devono essere licenziati, mandati a zappare la terra. Questi non sono degli esperti sono dei dilettanti incompetenti e pazzi. Più pazzi poi quelli che le approvano

    Report

    Rispondi

    • luxgraph

      24 Luglio 2014 - 23:11

      concordo , 8 mesi se si facevano delle pippe facevano meno danni

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog