Cerca

La guerra degli jihadisti

Guardian: "Anche due ragazze italiane nelle mani dell'Is"

Greta Ramelli e Vanessa Marzullo

Greta Ramelli e Vanessa Marzullo si troverebbero nelle mani dello Stato Islamico (Is). Il Guardian riporta, senza citarne i nomi, che «due donne italiane, una danese e una giapponese catturate alla periferia di Aleppo di recente» sono nelle mani dei miliziani islamisti del Califfato insieme ad altri 16 ostaggi e che sono state trasferite a Raqqa, roccaforte dell’Is nel nord della Siria. Il destino degli ostaggi comunque, secondo quanto scrive Martin Chulov, non è quello di Foley, decapitato per lanciare un segnale agli Stati Uniti. Negli ultimi 10 mesi almeno 10 tra loro -tra i quali un danese, tre francesi e due spagnoli- sono stati rilasciati dopo lunghi negoziati conclusi con il pagamento di riscatti. A condurre le trattative potrebbe essere stato, in alcuni casi, il britannico che ha ucciso Foley decapitandolo. Lo afferma uno degli ex ostaggi, che nel volto del boia ha riconosciuto una delle tre guardie (anche le altre due britanniche) che lo sorvegliavano a Raqqa.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianniob

    22 Agosto 2014 - 08:08

    Non era quello che cercavano? Vanno a letto con i loro idoli, di cosa si lamentano.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    21 Agosto 2014 - 14:02

    Se realmente fossero schiave sessuali, lo sarebbero di loro propria volontà! Ma chi glielo faceva fare di andarsene in una zona ad altissimo rischio????? Oggi il problema è che una loro eventuale liberazione costerebbe allo Stato, cioè a tutti noi, una cifra incredibile. Le cose sono due: o pagano per loro i genitori, oppure sarebbe meglio che restassero dove sono, a fare le schiave sessuali!!!

    Report

    Rispondi

  • marari

    21 Agosto 2014 - 14:02

    Ho sempre pensato che fossero state rapite come schiave sessuali e questo forse, salverà loro la testa. Gravissimo sarebbe trattare con questi feroci assassini e pagare in denaro per la loro liberazione. Conoscere i loro carcerieri potrà servire a queste due sprovvedute per ritornare ad essere "forse libere".

    Report

    Rispondi

  • primus

    21 Agosto 2014 - 13:01

    Tutto sommato sono due poco più che ragazzine, sinceramente da padre spero che possano cavarsela , in quel caso gli serva di lezione e prendano atto cosa sia l'islam, non esiste uno buono o uno cattivo, l'islam è quello ne più e ne meno e viene accettato da ogni BUON islamico che individua nell'occidente il male da estirpare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog