Cerca

Parola chiave: tredicenni

Yara, Bossetti cercava contenuti pedopornografici sul suo computer

Massimo Giuseppe Bossetti

Forse la svolta più significativa dallo scorso giugno, quando Ignoto 1, Massimo Giuseppe Bossetti, fu fermato con l'accusa di essere stato l'omicida di Yara Gambirasio, la ragazza di Brembate Sopra uccisa il 26 novembre 2010. Yara aveva 13 anni, e oggi si scopre che Bossetti, sui motori di ricerca del suo computer di casa, cercava la parola "tredicenni", seguita da altri termini pornografici. Secondo gli inquirenti che hanno setacciato ogni traccia digitale, riporta Repubblica, Bossetti avrebbe scaricato anche numerose immagini dal contenuto pedopornografico. Una circostanza che potrebbe rendere ancor più pesante il quadro indiziario attorno a Bossetti. Il legale di Bossetti, Claudio Salvagni, però smentisce in modo secco le indiscrezioni, e all'agenzia Adnkronos spiega, tranchant: "Non ci sono accessi a siti pedopornografici".

Cella di isolamento - Resta il fatto che altre indiscrezioni indicano che i supporti informatici stanno iniziando a fornire informazioni utili agli inquirenti: per ordine della procura di Bergamo, i dispositivi vennero sequestrati già lo scorso giugno. Bossetti si trova in carcere da due mesi e cinque giorni, in cella di isolamento. Secondo quanto si apprende l'ultimo accesso a contenuti pedopornografici a casa di Bossetti risale allo scorso maggio, un mese prima che Ignoto 1 venisse fermato dopo le conferme arrivate dal Dna. A meno che non si ipotizzi che sia stata la moglie di Bossetti - oppure la suocera e i figli piccoli - ad effettuare ricerche pedopornografiche su internet (circostanza difficile da immaginare), l'uomo accusato dell'omicidio di Yara si scopre, oggi, protagonista anche della ricerca di contenuti sessuali con protagoniste giovanissime, che avevano l'età della ragazzina uccisa in quella maledetta serata del 2010.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    24 Agosto 2014 - 13:01

    Al magistrato inquirente è mai passato per la sua mente malata che questo computer l'avrebbe anche potuto usare il figlio che, essendo tredicenne, ovviamente se ha qualche prurito sessuale, cerca tredicenni come lui??????? Quando si vuole incastrare un sospettato non si cerca di denigrarlo in ogni modo, si cercano prove certe della sua colpevolezza.

    Report

    Rispondi

  • neronederoma

    23 Agosto 2014 - 13:01

    non ho mai sentito dire se è stata fatta la prova del DNA, con il ( padre )con cui a vissuto ??! e VOI ? non è che hanno sbagliato persona e adesso ..............................

    Report

    Rispondi

    • nick2

      23 Agosto 2014 - 15:03

      Il test del DNA prova inconfutabilmente che Bossetti è figlio di Guerinoni (hanno persino riesumato il cadavere). In nessun modo può risultare figlio anche di un altro padre. Mettervi contro la scienza in questo modo vi rende ridicoli!

      Report

      Rispondi

  • romamaccio

    23 Agosto 2014 - 13:01

    Dopo tanto tempo,ce quasi semo!

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    23 Agosto 2014 - 12:12

    il DNA non basta a incastrare Bossetti? Ecco pronto l'abito del pedofilo su misura per Bossetti, taglia 13.

    Report

    Rispondi

    • nick2

      23 Agosto 2014 - 15:03

      Pensa, Bettely, se il sospettato fosse un bel negrone, uno zingano o magari un musulmano, quanta fatica in difesa dell’indifendibile ti saresti risparmiato…

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog