Cerca

Nord Est

Jihad, l'allarme: i terroristi islamici crescono in Veneto

Jihad, l'allarme: i terroristi islamici crescono in Veneto

Sotto Natale l’imbianchino Ismar Mesinovic aveva chiuso in fretta due valigie e dopo un saluto agli amici del centro culturale Assalam di Ponte nelle Alpi, era filato a gambe levate dal piccolo paese in provincia di Belluno dove abitava dal 2009. Una tappa veloce in Germania dalla mamma e poi via, ancora di corsa, dal Veneto direttamente in Siria: pronto a combattere nella terra dell’Isis (lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante), contro il regime di Assad. A gennaio, mentre guerrigliava in nome di Allah e della Guerra Santa, è morto col figlio al seguito. Aveva due anni, il piccolino.

Ismar Mesinovic, poi Idris Bilibani: super sorvegliato da Digos e Ros in quanto frequentatore sospetto del Nordest: i suoi continui viaggi internazionali e i messaggi via web sono nel mirino degli investigatori che non lo perdono d’occhio. Loro e, ancora, il fatidico Bilal Bosnic: wahabita, considerato fra i capi dell’Isis in Iraq, anche lui passato dal Triveneto alla Toscana: dalla Destra Tagliamento, a Treviso fino a Cremona passando per Monteroni D’Arbia (Siena). Imam, predicatori violenti, meritevoli di essere espulsi se non fosse che se ne sono andati da soli a esercitare il loro massimo sforzo sul fronte del Jihad: la Guerra Santa, la più alta istituzione dell’Islam che compare in 23 versi del Corano.

Predicatori pericolosi, transitati dal Nordest e accomunati da un denominatore unico: l’origine bosniaca. Ma anche dall’età che oscilla fra i 18 e i 35 anni. Sono la seconda generazione dei tanti reduci scampati al tracollo della ex Jugoslavia, arrivati in Italia dai primi Novanta a inizio Duemila.
E’ su questi personaggi e non più soltanto sul fronte nordafricano, mediorientale o più precisamente afghano, che Digos e Ros tengono alta l’attenzione. Soggetti che agiscono sottotraccia, in modo autonomo, come «ufficiali di collegamento tra il nostro territorio e quello islamico». Lontani dal fare proselitismo di massa, hanno come base il garage o il computer; non più la moschea o quello che fino a qualche anno fa poteva essere il viaggio di indottrinamento in Afghanistan. «Cani sciolti, sfuggenti (proprio per questo), al controllo di polizia e carabinieri», spiega una fonte, «avventurieri abili ad arruolare seguaci sul posto».

La Bosnia-Erzegovina, per la sua particolare connotazione di centro di riferimento di differenti e numerosi gruppi etnici, è stata da sempre al centro di movimenti migratori, la maggior parte delle volte dovuti agli scontri tra la forte componente serba e le altre due etnie, bosniaca e croata.
Dopo la disaggregazione della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, la Bosnia-Erzegovina è stata oggetto di una guerra interna drammatica, infuocata dallo scontro di religione fra cristiani e musulmani. Siamo fra il 1992 e il 1995. Il conflitto tra serbi, croati e bosniaci fedeli all’islam, ha costretto alla fuga oltre due milioni di abitanti. Germania, Montenegro, Serbia, Croazia, Italia: le mete dei fuggiaschi che hanno portato con sé l’astio legato alle persecuzioni subite da parte dei cristiani. Nel nostro Paese il flusso di immigrati provenienti dalla ex Jugoslavia è cresciuto in breve tempo. Dal 1996 al 2006 i bosniaci approdati, soprattutto al Nord, sono più che duplicati, passando da 9.500 a 26.300 (e il 56% sono uomini).
Il grosso si concentra proprio nel Nordest, soprattutto in Veneto (5.700 unità). Poi in Lombardia (3.000), Friuli Venezia Giulia (2.300) e Emilia-Romagna (1.700).

In Veneto i residenti di origine bosniaca sono ormai radicati nelle province di Vicenza, Verona e Padova; di Venezia e Rovigo, oltre che di Belluno. Qui, a Ponte nelle Alpi, ha abitato l’imbianchino immolatosi in nome di Allah: Ismar Mesinovic. E’ su questo Nord, dove molti bosniaci musulmani, figli di profughi induriti prima dalla guerra e poi dalla crisi economica, che resta alta l’attenzione della nostra intelligence. Molti di loro sono fra la trentina di residenti nel Triveneto ora sotto stretto controllo per via delle loro idee estremiste. O per le frequentazioni sospette. E se si considera che stando al ministero dell’Interno sono una cinquantina gli italiani convertiti all’Isis, fa riflettere che almeno tre decine siano radicati in Veneto. L’imbianchino morto col figlio di due anni, non è l'unico jihadista partito da questa terra per offrire il proprio contributo a una delle tante Guerre Sante sparse per il mondo. Prima di lui ce ne sono stati altri: Hussein Saber Fadhil, per tutti “il Califfo”: vendeva kebab a Padova. Il Ros lo ha arrestato nel 2007 con l'accusa di essere il capo di una cellula di Al Qaeda e di avere progettato un attentato a Bagdad. Lanciarazzi, uomini-bomba. Tutto confermato. Anche se poi il Tribunale di Venezia ha stabilito che «le iniziative della sua formazione erano finalizzate a colpire obiettivi non militari».

Un combattente e non un terrorista, dunque. Un epilogo che si ripete, con il risultato che dal “Califfo” che si preparava a combattere in Iraq (e ancora oggi vende kebab a Marghera) fino all’imbianchino che ha voluto il martirio in Siria, in Veneto (la terra della Serenissima Repubblica e un tempo impero della Lega Nord) sempre più persone sono affascinate del Jihad. «Disperati, spesso senza famiglia né un lavoro», spiega un investigatore. «Soggetti facili a lasciarsi incantare dai reclutatori: imam, estremisti, fanatici allo sbaraglio, magari ex combattenti che hanno avuto contatto diretto con i campi di battaglia. In Veneto non risultano zone di addestramento. Però sono passati soggetti come il bosniaco Bilal Bosnic: in questi giorni lancia in rete appelli ai giovani musulmani per unirsi al Califfato. È considerato un predicatore violento e itinerante: adesso è in Bosnia, prima era in Italia. E molte delle città nelle quali ha transitato, sono in allerta. In Veneto sono Centodieci i centri di preghiera e le associazioni culturali islamiche. Luoghi nel mirino di carabinieri e Digos, oltre che dei servizi segreti che indicano Padova come una delle zone «calde» per l'indottrinamento e il reclutamento di uomini disposti a combattere per l’Isis che spadroneggia in territorio iracheno e siriano. Stando all’ultimo dossier della nostra intelligence sarebbero almeno duecento i soggetti «attenzionati», in Italia e ritenuti molto pericolosi perché rientrati nel nostro Paese dopo un periodo di addestramento in basi segrete, per lo più in Afghanistan. Un fenomeno nuovo, che agisce al contrario rispetto ad altri Paesi europei, dove la maggioranza dei jihadisti reclutati va direttamente a combattere sui territori di guerra. Da noi è il contrario. La maggioranza dei fanatici resta in Italia per dare sostegno logistico e organizzativo.

di Cristiana Lodi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Boaprince

    28 Agosto 2014 - 11:11

    Ci sono le foibe per costoro...usiamole!

    Report

    Rispondi

  • marks

    28 Agosto 2014 - 00:12

    La colpa è dei ritardati mentali che votano a sinistra. Ora aprite le porte di casa compagni ci sono 200.000 negri da alloggiare. Hahahahahahahahahahah

    Report

    Rispondi

    • fonty

      fonty

      28 Agosto 2014 - 12:12

      200.000 dici ? Sembra che ammassati in Libia ce ne siano ancora 700.000 che aspettano "l'imbarco", i primi centomila sono già arrivati e stanno dilagando in tutto il belpaese non più tanto bello.

      Report

      Rispondi

  • Gios78

    27 Agosto 2014 - 20:08

    La colpa è dei ritardati mentali che votano a sinistra. Ma verrà il momento in cui oltre che agli immigrati,daremo la caccia anche a loro. Dementi fottuti.

    Report

    Rispondi

    • woody54

      28 Agosto 2014 - 11:11

      Gios78 Povero coglione!!!! Ma a chi vuoi dare la caccia? Idiota all'ennesima potenza, scommetto che tu voti lega, (il partito dei ritardati mentali)

      Report

      Rispondi

      • fonty

        fonty

        28 Agosto 2014 - 12:12

        Tu woody o come cacchio ti chiami, devi essere proprio un volpino, scommetto che hai una volpe sotto ogni braccio, eh furbone ?

        Report

        Rispondi

  • alkhuwarizmi

    27 Agosto 2014 - 20:08

    La prima impressione è che i presunti servizi di sicurezza Italiani si muovano molto in ritardo rispetto alle dimensioni del fenomeno, che non è affatto esploso all'improvviso bensì esiste da molti anni, colpevolmente sottovalutato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog