Cerca

Islam

Jihad, dove si recluta in Italia: moschee clandestine, carceri e Cie

Jihad, dove si recluta in Italia: moschee clandestine, carceri e Cie

Prima la scelta dei soggetti più adatti, quasi sempre ragazzi giovani, fragili, afflitti da particolari condizioni di disagio economico e psicologico. Poi l'aggancio sui social network, sulle chat, poi i video sulle "bugie dell'Occidente", e infine l'invito nelle moschee clandestine, quelle che sorgono in garage, negli appartamenti, negli scantinati. Avviene così il reclutamento dei giovani jihadisti in Italia, è così che si diffonde la "jihad della parola".

L'arruolamento - Moschee clandestine, carceri, centri di accoglienza: sono questi i luoghi deputati alla recluta e all'indottrinamento di giovani immigrati da trasformare in militanti. "Sembriamo vigliacchi in questo paese! Abbiamo equipaggiamento e materiale, bisogna andare e distruggere le loro case" sono queste le parole che Hamdi Chamari, 24 anni di Castelvetrano, provincia di Trapani, si scambiava con amici. "Possa Dio spargere i nostri corpi per la sua causa, voglio che le mie carni vadano in pezzi". I carabinieri del Ros riportano che Hamdi, di origine tunisina, avrebbe organizzato una cellula terroristica tra Sicilia e Puglia per "Reclutare persone da inviare nelle zone di guerra contro il nemico infedele".

Campi di addestramento - Il reclutamento e gli "insegnamenti" avvenivano in una moschea, ad Andria, per poi proseguire su internet, mentre ai piedi dell'Etna trovava spazio un campo di addestramento. Come è scritto nell'inchiesta del quotidiano Repubblica, il web è una vera e propria risorsa per questa "jihad della parola", Twitter e Facebook sono i principali canali di diffusione dei precetti jihadisti. Una fonte dell'Intelligence conferma che "il 95% del proselitismo si fa sulla Rete. L'aggancio avviene sui social network, poi, per comunicazioni riservate, i reclutatori chiedono di chattare sul web nascosto".

Non solo web - La polizia tiene sotto controllo le carceri dove è alta la presenza di detenuti nordafricani e balcanici. Allo stesso modo sono monitorati, in Sicilia e Puglia, i centri di accoglienza e identificazione. Particolare attenzione è rivolta alle moschee, quelle clandestine che sorgono in gran segreto: sarebbero un centinaio, disseminate tra scantinati, appartamenti e garage. "La trappola è li nella moschea, dove mettevano dei video, dalla mattina alla sera." parla il pentito Elassi Rihad, mentre spiega la sua esperienza in Lombardia: "Tra una preghiera e l'altra ci dicevano che in questa vita siamo condannati a morte e moriremo prima o poi perché dobbiamo morire, qui, in mezzo a questi porci che ci rubano il petrolio" Tutti messaggi finalizzati a fomentare odio tanto da spingere le reclute a pensare che: "L'unica soluzione è morire, renderti utile morendo".

Genova, Milano, Bologna- I rapporti dell'Intelligence posizionano la maggior parte dei 40 soggetti che sono andati o vogliono andare in Siria e Iraq a combattere, tra Liguria, Lombardia, Emilia e Veneto. Nel triangolo tra Genova, Milano e Bologna sarebbero ancora attivi network di provenienza nordafricana con il compito di arruolare militanti. A Genova l'inchiesta della Digos ha individuato la brigata Jaish al Muhajireen, una delle principali organizzazioni di reclutamento di non-risiani che opera in stretto contatto con i militanti di Al Qaeda e dello Stato Islamico dell'Iraq. Ed è di Genova Andrea Giuseppe Lazzaro, diventato Umar dopo la conversione alla religione musulmana, indagato dalla procura del capoluogo ligure per reato di associazione con finalità di terrorismo internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pitret

    20 Marzo 2015 - 21:09

    chi è stato a escludere questi ragazzi,?perchè non gli avete voluto bene?perchè dite un sacco di menzogne?ecco i risultati.dovreste andare solo sul web.è carta gettata ai porci.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    09 Settembre 2014 - 18:06

    dove si recluta in Italia: moschee clandestine, carceri e Cie. Non occorreva una preparazione molto alta di scuola anti terrorismo per arrivare a tale affermazione, probabilmente anche un ragazzino che guarda la TV avrebbe saputo rispondere. Il peggio di tutto questo è la mancanza politica di fare qualcosa per fermare questo fiume in piena che ci travolgerà.

    Report

    Rispondi

  • filippomatera61

    31 Agosto 2014 - 16:04

    Prova 2

    Report

    Rispondi

  • Cristian64

    29 Agosto 2014 - 13:01

    Italiani, Cristiani, siamo in guerra., contro le sinistre parassite, vigliacche nemiche della Patria, servi dell'islam e di tutto ciò che è' anti Cristiano,. Siamo in guerra contro L'islam che odia la nostra Fede, i nostri principi e la nostra libertà. Non si tratta di aggredire ma di difenderci. W l'Italia Cristiana.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog