Cerca

Il retroscena

Bruti indagato: l'inchiesta di Brescia nasce da un esposto dell'ex sindaco Albertini

Bruti indagato: l'inchiesta di Brescia nasce da un esposto dell'ex sindaco Albertini

Il procuratore capo di Milano Edmondo Bruti Liberati è stato iscritto sul registro degli indagati dalla Procura di Brescia con l'ipotesi di omissione d'atti d'ufficio. Il reato è contestato in relazione alla ritardata trasmissione all'aggiunto Alfredo Robledo del fascicolo Sea-Gamberale.

Si inserisce Albertini - Nello scontro tra i due magistrati s'inserisce - suo malgrado - l'ex sindaco di Milano, ora senatore, Gabriele Albertini, grazie a un esposto presentato addirittura nell'ottobre 2012 all'allora ministro della Giustizia Cancellieri contro lo stesso Robledo. Documento trasmesso anche a Csm e procura bresciana, che ha concluso la sua indagine due settimane fa e si appresta a fare una richiesta di rinvio a giudizio di Albertini per calunnia ai danni di Robledo.

"L'abitudine dello stand by" - Nell'esposto l'ex sindaco, oltre a dolersi della conduzione dell'inchiesta sui derivati da parte di Robledo, lamentava dello stesso anche "l'abitudine di 'lasciare in stand by' i fascicoli quando coinvolgono una determinata area politica". Aggiungendo che "appare quasi un vizio del dottor Robledo se è vero, per come si è potuto leggere sul Sole 24 ore, che prima che ultimamente egli incominciasse ad indagare sulla turbativa d'asta per la vendita delle azioni Sea dal Comune di Milano a F2I" il fascicolo trasmesso in estate da Firenze "veniva dimenticato nei cassetti della procura milanese".

La contro memoria - Robledo ha risposto ad Albertini in una memoria consegnata alla Procura di Brescia respingendo ogni accusa, ricostruendo brevemente la storia del fascicolo "dimenticato", e invitando i magistrati inquirenti, ovvero i pm Fabio Salamone e Paolo Savio, a trarre le proprie conclusioni dalla semplice lettura dei giornali che, nei mesi scorsi, hanno riportato per filo e per segno tutti gli aspetti della vicenda, compresa l'ammissione di colpa "per una deplorevole dimenticanza" di Bruti Liberati.

Brescia indaga Bruti - Ed è proprio sulla base dell'esposto di Albertini e della contro memoria di Robledo che alla fine Brescia, del tutto autonomamente, avrebbe deciso di indagare Bruti Liberati. Infatti i pm Salamone e Savio, ricevuti i due documenti, hanno girato la segnalazione sul fascicolo Sea al procuratore di Brescia Tommaso Buonanno che ha proceduto con l'apertura di un fascicolo su Bruti. Nessun commento dei due protagonisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sorbelloclaudio

    23 Luglio 2015 - 05:05

    Adesso Bruto comunista prima di andare in pensione e lasciare la sconsolata Bocca i, dovrà scontare qualche pena o meglio si concederà da penoso.

    Report

    Rispondi

  • piero2556

    22 Luglio 2015 - 23:11

    penso sia ora che qualche magistrato e politico si suicidi, così tanto per evitare qualche inchiesta e finire in bellezza, altrimenti quando questo popolo si sveglierà e prenderà coscienza di tutte le fregature ricevute da Craxi a a Berlusconi, da Monti e Renzi, questa massa informe di politici e giustizieri pilotati corrotti farà una brutta fine, quella del Duce in confronto è niente.

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    09 Ottobre 2014 - 16:04

    ahiaihi Albertini adesso indossa le mutande di latta e prega... perchè farai la fine di De Falco e Schettino l'omicida ricco e famoso "l'eroe" (vabbè colui che ha fastto il suo dovere) declassato e punito!! oh Albertini questo é un comunista!!! ancora non sai come andrà a finire??????

    Report

    Rispondi

  • alvit

    09 Ottobre 2014 - 13:01

    ahahahah "Deplorevole dimenticanza"" buffoni, il personaggio è un komunista fra i più feroci, non si dimentica un fascicolo così importante.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog