Cerca

Dalla Sierra Leone alla Valle d'Aosta

Ebola, medico in quarantena: sbarca a Malpensa e prende pure il treno

Ebola, medico in quarantena: sbarca a Malpensa e prende pure il treno

Ha preso l'aereo (di linea) ed è atterrato a Malpensa. Poi, come un passeggero qualunque, ha preso pure il treno diretto in Valle d'Aosta. Si tratta di un medico italiano di Emergency che ha curato in Sierra Leone i malati di Ebola. Ora è in quarantena, ma se fosse già stato contagiato sarebbe entrato in contatto con decine di persone. 

I primi controlli - "Il medico", scrive in una nota l'Asl valdostana, "che ha prestato meritoriamente la sua opera in Sierra Leone, è atterrato nel pomeriggio di ieri (giovedì 30 ottobre, ndr) all'aeroporto di Milano Malpensa, dove è stato sottoposto ai controlli previsti che ne hanno attestato la buona salute e ha già raggiunto la sua abitazione di Quart. Il sanitario ha fatto sapere di stare bene e ha espresso il desiderio di vedere rispettata la sua privacy".

In quarantena - Ora l'Asl ha già attivato il protocollo operativo del ministero della Salute. In sostanza ha classificato l'operatore come "contatto a rischio intermedio" (quindi persona sana e non contagiosa) e ha predisposto la quarantena domiciliare. Durante i 21 giorni di isolamento è previsto un continuo monitoraggio. L'isolamento, spiega l'Asl "ha l'obiettivo di cogliere eventuali sintomi di malattia ed evitare in tale caso contatti con altre persone".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    31 Ottobre 2014 - 19:07

    questi imbeccilli non hanno comportamenti umani: e' chiaramente il virus che impone di andare nei posti puo' popolati possibile: e' successo al cretino in new york , addirittura treni, bar e ristoranti pur di diffondere il virus . Guardate che e' un segno chiaro: subito prima della febbre questi hanno le smanie di andare fra la gente perche' poi arriva la febbre alta e non si possono piu' muovere.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    31 Ottobre 2014 - 16:04

    siamo un paese sempre più simile ad un BORDELLO i cui Tenutari sono anche dei poveri Deficenti. Non c'è più regola, nè Controllo, nè Responsabilità sia Istituzionaole che Privata. Qualsiasi idiota o delinquente può fare ciò che vuole, fare i danni che vuole, Nessuno gli farà mai pagare il prezzo dei danni arrecati. Il POPOLO poi è solo UN GREGGE, um gregge di pecorelle alla cattolica maniera.

    Report

    Rispondi

  • kinowa

    31 Ottobre 2014 - 15:03

    Entrambi, ammalato o no andrebbero denunciati per tentata strage, Con l'aggravante di essere personale medico e di sapere quello che fanno.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    31 Ottobre 2014 - 15:03

    se si verrà a conoscenza del fatto che ha Contagiato qualche Cittadino, che questo UNTORE venga Giustiziato dal Popolo sulla pubblica piazza. Ormai le leggi sono un'accozzaglia di idiozie scritte e votate da altre accozzaglie di Disonesti ed Incapaci in un Parlamento ormai simile a un Manicomio Criminale, e dobbiamo Cominciare a gestirci PURTROPPO da soli, e RICOSTRUIRE TUTTO DA CAPO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog